NEWS – L’agente di Tourè attacca Witsel

Il procuratore del 33enne Yaya Tourè del Manchester City, il signor Dimitri Seluk, ha criticato duramente il calcitore belga Alex Witsel e la sua decisione di prendere parte al campionato cinese.

Con l’avventura di Touré al Manchester City ormai ai titoli di coda, col contratto in scadenza a giugno prossimo, e senza l’ipotesi di un eventuale prolungamento del contratto, il giocatore si trova a lasciare il club da veterano, da uomo-simbolo dei Citizens, per i tifosi e per i compagni.
Il giocatore ed il suo agente punterebbero però al tentativo di restare a Manchester, a far da chioccia e uomo-spogliatoio, non prendendo in considerazione le offerte provenienti dalla Cina.

Ed è proprio a seguito di queste offerte e che Dimitri Seluk, intervistato dal sito web russo ‘Championat.com‘, ha addirittura criticato le parole di Axel Witsel il quale, al momento dell’annuncio del suo addio allo Zenit Sanpietroburgo per approdare alla cinese Tianjin Quanjian, aveva parlato di “offerta irrinunciabile”.

Queste le parole del procuratore del giocatore: “Certe offerte non si possono rifiutare? Non sono per nulla d’accordo con Witsel. Lo scorso anno Tourè, a 32 anni, ha rifiutato un’offerta ancora più prestigiosa di quella proposta a Witsel. Ad avere importanza qui è la mentalità del giocatore e basta. C’è chi ama il calcio, e chi, invece, come Witsel, è legato solo al denaro. Oggi in molti hanno preso questa strada, ma non è quella di Yaya, nonostante già da una settimana abbia la possibilità di trattare con altri club perchè in scadenza a giugno. Nonostante tutti i soldi che circolano in Cina, lì non c’è un giocatore del livello di Tourè. Ha sempre giocato tutti gli incontri per 90 minuti ed è un leader della sua squadra. Vincere la Champions, la Liga e la Premier League è davvero difficile, sono in pochi ad esserci riusciti e Yaya è uno di questi. Considerato come gioca, ha ancora altri 5 anni almeno per potersi esprimere ai pù alti livelli“.