CURIOSITA’ – 20 anni fa la grande beffa di Ali Dia al Southampton. Una storia che ha dell’incredibile

Vent’anni fa Ali Dia giocava la sua prima e unica partita in Premier League con il Southampton dando vita ad una storia che ha dell’incredibile.

Stiamo, infatti, parlando di quella che può tranquillamente essere definita la più grande truffa nella storia del calcio professionistico. Ed il protagonista di questo bluff è proprio Ali Dia.
La storia che andiamo a raccontarvi inizia nel 1996, quando Ali Dia è un trentunenne modesto calciatore francosegalese. Il calciatore può vantare qualche presenza nelle serie minori francesi, tedesche e finlandesi e si trasferisce in Inghilterra per giocare con il Blyth Spartans, squadra di Non-League.
Il suo sogno, però, è quello di approdare in Premier League, nonostante le sue evidenti carenze tecniche. Ma questo non lo frena e decide di architettare un piano che si rivelerà poi un memorabile inganno.
Dia convince un compagno di università a telefonare all’allora manager del Southampton, Graeme Souness, spacciandosi per George Weah. Nei panni dell’ex Pallone d’Oro, il ragazzo raccomanda al manager scozzese un suo presunto cugino, inventando di sana pianta una carriera fatta di 13 presenze nella Nazionale liberiana ed importanti esperienze con Bologna e Paris Saint-Germain.
Souness e il suo staff non si preoccupano di verificare le referenze ricevute dal falso Weah così Ali Dia firma sulla fiducia un contratto di un mese.

Molto presto, però, risulta evidente che qualcosa non quadra. Già nel corso del primo allenamento con i Saints i nodi iniziano a venire al pettine proprio come racconta al Guardian Matt Le Tissier: “Ci presentarono il nuovo acquisto il venerdì mattina, pensai «non è bravo per nulla, non credo passerà il mese di prova». E’ difficile giudicare uno da un solo allenamento, per giunta 5 contro 5, ma di solito riesci a vedere se sa controllare la palla, se sa muoversi bene in campo: lui non mostrò nulla di tutto questo, nulla che mi fece pensare che avrebbe giocato il giorno dopo“.

Invece, Ali Dia viene convocato per la partita di campionato tra Southampton e Leeds United del 23 novembre 1996 ed entra in campo rilevando proprio Matt Le Tissier il quale si procura un infortunio muscolare.
Matt Le Tissier ricorda: “Correva per il campo e sembrava Bambi sul ghiaccio, era imbarazzante da guardare“.
Viene, infatti, sostituito all’85’ e dopo il match sparisce improvvisamente senza lasciare tracce. Pochi mesi dopo torna a far parlare di sé in seguito ad una breve esperienza al Gateshead, la squadra della città natale di Paul Gascoigne.
Le Tissier rivela: “Divenne in breve tempo un argomento tabù con il mister, era consapevole di essere stato messo in ridicolo. E’ stato sicuramente il peggior giocatore con cui abbia mai giocato“.