Aston Villa-Southampton 1-1, ad Agbonlahor risponde Clyne

Al Villa Park di Birmingham va in scena il Monday Night della 12a giornata di Premier League. Ad affrontarsi sono i Villans di Paul Lambert, reduci da un mese e mezzo a dir poco terribile in termini di risultati, e i Saints di Ronald Koeman, letteralmente al settimo cielo grazie a un inizio di stagione meraviglioso che li ha portati ad arroccarsi al 2° posto in classifica. Queste le formazioni iniziali:

Aston Villa: Guzan, Hutton, Okore, Clark, Cissokho, Sanchez, Westwood, Cleverley, Weimann, N’Zogbia, Agbonlahor.

Southampton: Forster, Clyne, Fonte, Alderweireld, Bertrand, Schneiderlin, Wanyama, Mané, Tadić, Long, Pellè.

PRIMO TEMPO – La prima occasione da gol è per i Saints: combinazione spettacolare tutta palla a terra avviata da Bertrand, che passa la palla a Pellè, l’italiano aspetta l’inserimento in area del del terzino inglese, lo serve con un pregevolissimo colpo di tacco, l’ex Chelsea imbecca Manè nello stretto, ma l’attaccante senegalese manda all’aria questa splendida azione spedendo il pallone molto a lato della porta difesa da Guzan (16°). Al 21° tutto lo stadio si ferma per commemorare, con un lungo applauso, le vittime (21, come il minuto di gioco) del terribile attentato ad opera dell’IRA avvenuto a Birmingham il 21 Novembre del 1974, quando un pub della città venne devastato dall’esplosione di una bomba. Al 29° arriva la svolta del match: Clark rilancia lungo dalla difesa, Josè Fonte e Alderweireld non capiscono le rispettive intenzioni, Forster si vede costretto ad uscire dall’area di rigore ma viene anticipato da Agbonlahor, che lo scavalca e deposita in rete il pallone del vantaggio dei Villans. Curiosità della serata: l’attacco meno prolifico (6 gol fatti) va a segno contro la miglior difesa (6 gol subiti) del torneo. La reazione della compagine allenata da Koeman è veemente: al 37° Manè cerca un tiro a giro potente dal limite dell’area, ma Guzan riesce a smanacciare in calcio d’angolo grazie a un gran colpo di reni. Il primo tempo va in archivio dopo un solo minuto di recupero.

SECONDO TEMPO – La prima occasione da gol di questa seconda frazione di gara avviene solamente al 72°, quando Wanyama mette Josè Fonte davanti al portiere con un perfetto passaggio filtrante, il difensore spagnolo cerca di spiazzare il portiere americano con un diagonale basso indirizzato sul secondo palo, ma l’estremo difensore dei Villans mura questo pericoloso tentativo con la punta del piede destro. Il secondo tempo segue un copione piuttosto consolidato, con i Saints che attaccano a spron battuto e i Villans che cercano di proteggere il risultato e di ripartire in contropiede. Cosa che accade al 76°, quando Weimann compie un’ampia falcata verso la porta di Forster, poi opta per il passaggio verso Agbonlahor sulla destra, l’attaccante inglese si accentra e serve l’attaccante austriaco, che davanti al portiere ex Celtic spara incredibilmente alto. All’80° arriva, inevitabilmente, il pareggio del Southampton: Bertrand entra in area dalla sinistra e con un precisissimo passaggio all’indietro becca Nathaniel Clyne (promettente terzino destro recentemente convocato da Roy Hodgson), che non deve far altro che fulminare il povero Guzan con un tiro potente ed estremamente angolato. La partita trova il suo epilogo dopo 3 minuti di recupero decretati dall’arbitro Phil Dowd.

LA CLASSIFICA – La compagine claret and blue di Birmingham continua a “vantare” una media da retrocessione: con quello di stasera, sono solamente 2 i punti conquistati dai Villans nelle ultime 8 partite di campionato. Nonostante ciò, il pareggio di stasera permette agli uomini di Lambert di scavalcare l’Hull in classifica e di posizionarsi al 16° posto (12 punti). I Saints invece trovano il pareggio dopo ben 4 vittorie consecutive e rimangono saldamente al posto in virtù dei loro 26 punti.

Riccardo Scoccola

Affetto da una strana forma di anglomania... #EnglishFootballRules