BLUES CORNER – Captain, leader legend: JT, you will be truly missed!

Amici blues un carissimo saluto a voi!
La vendetta è un piatto che va servito freddo e così è stato: dopo la scoppola presa all’andata e l’eliminazione subìta in FA Cup, Josè Mourinho ci assesta la sua pugnalata con doppio taglio riaprendo di fatto la corsa alla Premier League.
Con quattro punti di vantaggio su quelli di Haringey a sei giornate dal termine il campionato è ritornato più che mai un obbiettivo alla portata di Kane e soci.
Il match di Old Trafford ha però visto la bruttissima copia della squadra che abbiamo potuto ammirare negli ultimi 6 mesi: i ragazzi non sono riusciti a fare nulla di quello che doveva essere il piano partita.
Non ci sono stati acuti, non ci sono stati pericoli per De Gea ma solo ed unicamente si è vista una squadra con grinta e determinazione pressare ed aggredire una squadra appagata ed incapace di inserire le marce alte alte quando il gioco si faceva duro.
Ora serve ricompattarsi, sabato ci attende una importantissima sfida contro il Tottenham per la FA Cup e già noi tutti ci attendiamo un pronto riscatto contro la squadra che più di ogni altro sta ben facendo in questo momento in Inghilterra.

LA SCONFITTA CONTRO LO UNITED – Il Chelsea si presenta ad Old Trafford con due importanti defezioni: Courtois ed Alonso, rimpiazzati da Begovic e Zouma (con Azpi messo al posto di Alonso), mentre Mourinho punta su Rashford, lasciando Ibrahimovic in panchina.
Passano pochi minuti e l’arbitro non vede un nettissimo fallo di mano di Herrera su passaggio di Matic: lo spagnolo nel prosieguo dell’azione imbecca magistralmente Rashford che brucia in maniera netta David Luiz e segna la rete del vantaggio.
Il goal sarebbe stato da annullare per palese e volontario tocco di mano.
Lo United gioca un primo tempo perfetto aggredendoci altissimo e la tattica di Mourinho, che al Bridge non aveva potuto esplicarsi a causa del rosso ad Herrera, stavolta produce i suoi frutti.
Di contro noi siamo per una volta letteralmente paralizzati, quasi abulici e non riusciamo ad imbastire una benché minima azione in tutta la partita.
Ad inizio ripresa proprio Herrera raddoppia sfruttando il lavoro di Young e la partita virtualmente si chiude lì.

LE PAROLE DI ANTONIO – A fine match Antonio Conte non era soddisfatto della prova dei suoi ed infatti ha sottolineato come i ragazzi non abbiano giocato bene contro lo United, squadra molto forte, e ciò per colpa sua che non ha saputo infondere la giusta carica e la giusta motivazione.
Questa sconfitta è meritata mentre quella contro il Crystal Palace non lo era.
Ora restano 6 finali da qui alla fine della Premier League, e tutte queste partite vanno giocate con grande entusiasmo soprattutto pensando a quanto la squadra sia migliorato in questa singola stagione.
Courtois non ha giocato per un infortunio occorsogli in settimana, mentre Alonso è stato messo KO da un virus la notte prima del match, il ragazzo ha comunque voluto provare ma non ce l’ha fatta.
Ora serve analizzare ciò che non è andato per il verso giusto e ripartire.

JT26 DICE ADDIO – Il giorno successivo alla sconfitta ad Old Trafford il club ed il suo leggendario capitano, John Terry, annunciano congiuntamente come quella che sta per volgere al termine sarà l’ultima in maglia blues per il nostro uomo dei record.
22 anni con la nostra maglia, 713 presenze di cui 578 da capitano, 66 reti e 14 trofei vinti, dicono solo in parte cosa è stato JT per noi: al di là delle indubbie doti di calciatore che sono indiscutibili ed innegabili quel che preme qui sottolineare sono il suo essere professionista esemplare, leader inarrivabile e uomo squadra assoluto.
John ha sempre fatto parte di quella ristrettissima cerchia di calciatori professionisti di questo livello che ha sempre e solo messo la squadra, il club sopra ogni cosa: ciò è merce molto rara in questo calcio volto alla personalizzazione ed alla idolatria del singolo.

FA CUP E PREMIER LEAGUE – Sabato 22 aprile alle 18:15, ore italiane, i ragazzi affronteranno a Wembley il Tottenham per le semifinali di FA Cup.
Il prossimo impegno di Premier League sarà martedì 25 aprile contro il Southampton a Stamford Bridge alle 20:45, ore italiane.

E’ tutto per ora, alla prossima!

Come on blues!

Edoardo Orlandi
@Chels_Italy

Edoardo83

Laureato in giurisprudenza, ama l'antichità classica greco-romana, il basket NBA e la Premier League. Tifa per l'Inter ed il Chelsea

Latest posts by Edoardo83 (see all)