CITIZENS CORNER – Minimo risultato, massimo sforzo

Amici Citizens, siamo arrivati al termine di questa pazza stagione con un pareggio per 1-1 in quel di Swansea: con la sconfitta del Manchester United in casa del West Ham, il pareggio in Galles dovrebbe essere abbastanza per blindare il quarto posto, il minimo risultato ottenuto con il massimo sforzo, con una sola vittoria nelle ultime 4 partite.

IL MATCH- Confermata la formazione che ha pareggiato per 2-2 contro l’Arsenal, con Iheanacho che affianca il Kun Aguero in attacco. I Citizens, in vantaggio di due punti e con una differenza reti maggiore rispetto allo United, chiudono al quarto posto anche con un pareggio, ma l’inizio è promettente, già dopo 5 minuti il City passa in vantaggio; cross di De Bruyne, Nordfeldt respinge la conclusione di Aguero sui piedi di Iheanacho che da 0 metri firma il suo gol numero 8 in questo campionato, una stella per il futuro. Il City domina, anche se viene annullata una rete allo Swansea per fallo di Montero su Sagna, e cerca di chiudere il discorso già nel primo tempo e fioccano le occasioni: Nordfeldt di piede nega il gol ad Aguero, ci provano anche Navas e Iheanacho ma il pallone proprio non entra. E al minuto 46 arriva la beffa: Otamendi stende Britton al limite dell’area punizione di Ayew che trova la deviazione di Fernando che spedisce il pallone alle spalle di Hart. 1-1 al riposo, e nel secondo tempo il City prova l’assalto per vincere la partita. Mangala di testa manda alto da buona posizione, Aguero in area calcia malissimo e Iheanacho scivola nel momento in cui stava per tirare: la fortuna non gira dalle parti dei Citizens. Lo Swansea regge e gli uomini di Guidolin ci fermano sull’1-1 finale. Scene emozionanti a fine partita, con Iheanacho e Yaya Touré che regalano le proprie maglie ai tifosi e un Pellegrini commosso dona la sua giacca ad un fan.

ANALISI- Il risultato minimo è stato raggiunto, anche se non è ancora ufficiale visto che il Manchester United ha dovuto rinviare la sua partita a martedì per un allarme bomba a Old Trafford, ma dovrebbe vincere di 19 gol per passarci davanti, dunque il quarto posto è tutto del City che si garantisce la partecipazione alla prossima Champins al termine di un campionato comunque deludente, visto che l’obiettivo era la vittoria finale; un po’ arrancando nel finale (una vittoria nelle ultime 4) siamo comunque riusciti a staccare il pass per l’Europa che conta, finendo ancora una volta davanti ai cugini. Salutiamo così Manuel Pellegrini, grande allenatore e grande uomo che ci ha regalato tante emozioni e tante vittorie in questi tre anni, ma non sarà il solo a lasciare il City: il futuro di molti giocatori è in bilico, come Yaya Touré, Zabaleta, Bony, Mangala e tanti altri verranno valutati per iniziare una nuova era. La staggione si chiude comunque con un trofeo e la storica qualificazione alle semifinali di Champions: non possiamo che miglioare, e non vediamo l’ora che inizi la nuova, pieni di fiducia per un futuro che si annuncia roseo. C’mon City!!
Alessio Angelucci, Italian Blue Moon

Alessio Angelucci

Alessio Angelucci

Nato a Modena ma residente a Reggio Emilia, studia scienze motorie all'università di Bologna. Tifoso del Man City fin dall'età di 11 anni, le sue altre passioni sono l'AFL, gli Oasis e la musica in generale!
Alessio Angelucci

Latest posts by Alessio Angelucci (see all)