CURIOSITÀ – William Gallas “Gli amici di Nasri volevano spararmi con un taser”

In un’intervista rilasciata all’emittente francese RMC, Gallas, grande ex-difensore dell’Arsenal, ha raccontato un aneddoto davvero strano ma allo stesso tempo quasi macabro del suo rapporto con Samir Nasri.

I due francesi, che hanno vestito la maglia dei Gunners assieme nelle stagioni 2008-2009 e 2009-2010, non si amavano molto, e questi dissapori erano evidenti anche durante i ritiri con la nazionale.

Fu in uno di questi che il loro rapporto raggiunse i minimi storici, come lo stesso difensore ha raccontato.

“Ero a pranzare con la mia famiglia in hotel il giorno prima di un ritiro con la Nazionale francese”

“Lasciato l’albergo, alcuni ragazzi mi si avvicinarono, intimandomi di fermarmi”

“Ne riconobbi uno, lo vedevo sempre al campo di allenamento dell’Arsenal: era un amico di Samir Nasri

“Fu lui a parlarmi: chiedeva di seguirlo fino alla macchina parcheggiata poco più in là di Nasri, che dovevamo chiarire”

Io e Samir avevamo litigato durante uno degli ultimi allenamenti all’Arsenal, lo avevo rimproverato per alcune dichiarazioni fuori luogo

“Fidandomi che davvero ci fosse anche Nasri, mi incamminai col tizio, ma mio cugino poliziotto mi fermò e mi disse di non seguirli”

“Non so cosa, ma quando mi stavo allontanando sotto consiglio di mio cugino mi girai e vidi una persona

“Era accovacciata dietro un cestino dell’immondizia vicino alla presunta macchina, e aveva in mano un taser!

“Mio cugino non dico che mi abbia salvato la vita, ma non so cosa sarebbe potuto succedere se non lo avessi ascoltato!

Da parte di Nasri, ora al Siviglia, non è arrivata ancora una smentita, anche se l’accusa è molto grave.