NEWS – Sospetta frode fiscale nei trasferimenti per Newcastle e West Ham

Newcastle e West Ham sono in seri guai: stamattina la polizia (circa 180 agenti) avrebbe fatto irruzione negli uffici degli stadi delle due squadre inglesi per indagare e perquisire i documenti riguardanti le mosse finanziarie. Per entrambi i club si sospetta una frode assicurativa ed evasione fiscale riguardanti soprattutto alcuni trasferimenti di calciatori. Gli ufficiali di polizia hanno già arrestato il direttore generale dei Magpies Lee Charnley, famoso per essere il braccio destro di Mike Ashley, proprietario del club, che dovrà rispondere circa i movimenti finanziari della società del nord d’Inghilterra. Gli agenti da settimane monitoravano la situazione con delle ricerche e oggi sono stati sequestrati anche numerosi pc, cellulari e registri per constatare le prove. Insomma dopo appena due giorni dalla grande festa della promozione, il Newcastle ora è nei guai: se fosse confermata la frode, la situazione per il club potrebbe risolversi con una multa salata o con la retrocessione fino alla quinta divisione, e quest’ultima sarebbe una grossa batosta per il club. Le indagini sono partite anche in Francia, dove è sotto inchiesta il Marsiglia, club che ha collaborato in passato in diversi trasferimenti con Newcastle e West Ham: un nome su tutti Dimitri Payet, ma anche Florian Thauvin, Remy Cabella e Alou Diarra. Il West Ham con un comunicato ha spiegato la propria posizione dicendo di “cooperare pienamente con gli inquirenti per aiutarli nell’indagine”, mentre è atteso il comunicato del Newcastle. Secondo il Daily Mail, inoltre, ci sarebbe anche il Chelsea tra i club indagati nella mattinata, anche qui in rapporto con acquisti o cessioni effettuati con il Newcastle e con il West Ham. L’impressione è che questo scandalo si allargherà nelle prossime settimane e potrebbe andare a coinvolgere anche altri club: si parla di circa 12 squadre di calcio in totale.