GOONERS CORNER – Serata Storta

E’ stata una serata storta niente di più, c’è poco da dire. Si sono fatte sentire le assenze, il periodo di impegni fin troppo ravvicinati ed intensi tanto da far sembrare che la squadra fosse scarica mentalmente e fisicamente. Bisogna riprendere a lavorare subito e a tornare con i piedi per terra, senza troppe illusioni o sprovvedute profezie. Quello del St Mary’s è un campo ostico e difficile, nel quale per fare risultato devi dare il 300% ed avere, allo stesso tempo, un po’ di fortuna, quella che, a noi, -ahimè- manca da anni…) .

Primo tempo scialbo, quasi noioso:ci troviamo in svantaggio dopo 19 minuti, grazie all’autentico capolavoro di Martina giovane terzino originario delle isole Curacao che trova un’imparabile angolo alla destra di Petr Cech con uno splendido esterno destro. Il secondo tempo prosegue sulla falsa riga del primo, mai pericolosi se non con sporadiche conclusioni lontane comunque dallo specchio della porta difesa da Stekelenburg. I Saints -un incredibile Shane Long su tutti-approfittano della giornata negativa degli 11 in campo schierati da Wenger e, nel giro di 20 minuti dall’inizio della seconda frazione chiudono definitivamente il match, grazie alle reti di Long e Fonte, entrambi in giornata di grazia.

Nonostante le modifiche fatte nel corso della partita (inseriti ChambersIwobiChamberlain) la squadra continua a non creare grattacapi alla retroguardia avversaria ed, al minuto 90, Shane Long sfruttando l’ennesima amnesia difensiva di Koscielny(oggi trai peggiori)mette il cosidetto “Ombrellino nel Long-Drink”, concludendo con una splendida doppietta la sua serata di grazia. Così va il mondo.

Lunedì per fortuna tutti di nuovo in campo per dimenticare una inaspettata giornata storta, sotto tutti i punti di vista.