GOONERS CORNER- Una settimana da Dio

Studiarmi i calendari delle rivali al titolo della Premier League fa male fisicamente e soprattutto mentalmente.

Il provare a prevedere forme,risultati,direttori di gara disegnati non è da persona sana,ma soprattutto non rende le mie mattinate tranquille e spensierate.E pensare che gli esperti dicono che la classifica va controllata solamente “sotto” il periodo Natalizio.

Sabato siamo scesi in campo contro il Watford,in un campo difficile ed ostico,contro una squadra che aveva prima di incontrarci la miglior difesa del campionato,un turno non facile nemmeno per lo United che contro tutti i pronostici non solo ha vinto ma assolutamente dominato contro i Toffees(che domenica ci faranno visita all’Emirates).

Primo tempo difficile,un paio di occasioni di troppo concesse ai nostri avversari e soprattutto una fase offensiva “spenta” grazie allo straordinario pressing dei ragazzi di Quique Sanchez Flores e della loro eccellente fase difensiva. Il secondo tempo per nostra fortuna parte e si conclude in maniera diametricalmente opposta: Ozil ispirato come non mai,Ramsey che dopo un primo tempo di “scivoloni”e fischi si prende la scena a forza di KM macinati e movimenti illuminanti e soprattutto Oliver Giroud che sostituisce il deludente Theo(contro le squadre che si chiudono c’è poco da fare la sua velocità diventa quasi inutile)decidendo la partita con l’ennesimo gol entrando dalla panchina e con la tanta voglia di rivalsa.

Del “Ninho Maravilla”che dire?Doveva essere stanco…

Siamo a 10 gol negli ultimi 6 match tra nazionali e squadre di Club,mai stato così forte,mai stato così decisivo.

Martedì si torna in campo contro la squadra più forte del mondo.Ci vorrà un’impresa per restare aggrappati alla qualificazione agli ottavi di Champions League.

Vivere certe serate fa bene.
Circa 48 ore fa dicevo che controllare “maniacalmente”il calendario della Premier non poteva che influire sulla mia salute e la mia psicologia in maniera negativa, due giorni dopo però posso confermare che vivere certe serate-certe vittorie-certe imprese non fa bene… Benissimo,a me e a chi mi sta intorno.
Partivamo sfavoriti, con un solo risultato disponibile e contro la squadra più forte del mondo. Difficile anche solo sognare un’impresa,tanto che stento ancora ora a credere ai 3 punti.
Ma si sa, il calcio è strano e spesso (soprattutto se tifi Arsenal) può sorprenderti quando meno te l’aspetti nella maniera più inaspettata possibile.
Se anche solo 24 ore fa mi sareste venuti a dire che il Match si sarebbe concluso con un secco 2-0 con un gol di Naso(?)Testa(?)Mano(?) di Giroud(ancora decisivo dalla panchina) e un gol fantasma di Ozil sarei scoppiato a ridere e vi avrei presi per pazzi,per il semplice fatto che anche solo sognare di fare risultato contro una corazzata del genere avrebbe voluto dire credere ciecamente nella squadra (cosa che sto iniziando a fare) e soprattutto sopravvalutare la nostra condizione psicofisica(che a quanto pare non ha nulla da invidiare a quella delle grandi d’Europa).

Ultimamente però vengo smentito spesso, magari troppo spesso ma mai come in questi momenti può che farmi piacere. Infatti dopo svariati miracoli di Neuer(andatevi a guardare il miracolo su Walcott,da pallone d’oro) e Cech (attualmente trai primi 3 al mondo nel suo ruolo)con un po’ di fortuna ci siamo trovati davanti al minuto 77 e al 93 senza un’eccessiva sofferenza ci siamo trovati a festeggiare una delle vittorie più belle degli ultimi anni,che magari può significare poco o nulla per la qualificazione al turno successivo(rischiamo ancora grosso,ma abbiamo messo nei guai anche i bavaresi)ma che significa tanto per la squadra(ottimismo,fiducia nei propri mezzi,morale allo spogliatoio)e tantissimo per me. Sabato si torna in campo contro l’Everton e il pessimismo cosmico che mi accompagna da anni sta piano piano svanendo,che sia un segno?