LIVERPOOL – Clamorosa proposta dal Kosovo per Luis Suarez

Luis Suarez potrebbe giocare nonostante la squalifica di 4 mesi.

La squalifica riportata da Luis Suarez durante il mondiale brasiliano (9 giornate con l’albiceleste e 4 mesi con i Reds) non è andata giù alla dirigenza ed ai tifosi del Liverpool che reputano che la squalifica dovrebbe esser inflitta al giocatore soltanto per le partite con la maglia della nazionale e non con quella del proprio club. Nonostante tutto questo “fermento” la decisione della FIFA sembra per ora inamovibile e per Luis Suarez si prospetta un periodo di stop calcistico (compreso l’ingresso negli stadi) fino al prossimo ottobre.
Ecco quindi arrivare per “El Pistolero” una clamorosa “offerta di lavoro” direttamente dal Kosovo, il presidente del KF Hajvalia starebbe pensando di offrire all’uruguaiano “asilo politico” per il periodo di interdizione in modo tale di non far perdere a Suarez stesso la condizione fisica in vista del suo rientro durante la stagione di Premier League. L’idea sarebbe quella di proporre al Liverpool un’offerta di 30 mila euro per aver in “prestito” il giocatore a cui verrò proposto un ingaggio da 1500 euro al mese.

Sicuramente vi starete chiedendo se tutta questo possa essere messo in atto e la risposta ve la diamo proprio adesso: Il Kosovo come ben pochi sanno non rientra come membro della FIFA e quindi la squalifica di Luis Suarez non sarebbe valida nel loro campionato. E’ stato lo stesso Xhavit Pacolli, direttore sportivo della squadra kosovara, a spiegare tutta questa storia: “Ciò potrebbe apparire ridicolo ma le cifre che vogliamo offrire al club ed al giocatore sono il massimo che possiamo tirare fuori dalle casse societarie. Se lui vorrà venire a giocare con noi sarà molto gradito, noi potremmo rappresentare per lui la soluzione migliore in questo periodo poiché siamo tra i pochi campionati a non essere iscritti alla FIFA”.

Per il club kosovaro c’è però un piccolissimo problema poiché in tal caso questa pazza idea andrebbe mai in porto il presidente Mehedin Pergjegiaj si ritroverebbe ad affrontare il problema capienza del proprio stadio, visto che al giorno d’oggi può ospitare soltanto 1000 persone ed in caso dell’arrivo di Suarez tutti vorrebbero esser presenti a questo rarissimo evento.
C’è da aggiungere però che il presidente della FFK (federcalcio kosovara) è contrario a questa decisione, tramite il portavoce Fazil Berisha ha fatto sapere che la FFK pur non facendo parte della FIFA non intende infrangere le regole di quest’ultima e proprio per questo motivo non verrebbe permesso all’Hajvalia di perfezionare l’eventuale ingaggio del Pistolero Suarez.

Che questa sia un’idea “assurda” siamo tutti d’accordo, il mondo del calcio però è strano e questa situazione è da tenere sott’occhio anche se siamo quasi certi che uno come Luis Suarez non accetterebbe una situazione del genere, chissà che alla fine non sia una “messa in scena” della FFK per dar valore e immagine al loro campionato e magari cercare di farsi aggiungere all’interno della lista dei campionati riconosciuti della FIFA.

find me

Cinus Antonio

Nato a Cagliari il 21/02/1992, laureando in Economia e Gestione Aziendale nella facoltà di Cagliari. Il mondo del calcio è la mia vita, pratico questo sport sin da quando avevo 5 anni. Bomber ? Ovviamente, dentro ma soprattutto fuori dal campo.
find me