WATFORD – Mazzarri non stringe la mano a Hughes: è polemica

Al termine del match tra Watford e Stoke City, Mark Hughes si è visto costretto a constatare un gesto anti-sportivo da parte del collega Walter Mazzarri.
Infatti, il tecnico italiano ha preferito non stringere la mano al manager inglese, il quale si è imposto a Vicarage Road per 0-1 a seguito di un discusso calcio d’angolo che ha portato i Potters in vantaggio.

Appena resosi conto della gravità del gesto, però, Mazzarri si è subito scusato con l’allenatore della squadra ospite, spiegando poi quanto il tutto si sia risolto negli spogliatoi. Il suo mancato saluto è stato giustificato come reazione causata dalla frustrazione dovuta alla sconfitta.
Ecco le parole di Mazzarri: “A fine partita ero parecchio arrabbiato. Lì per lì non ho pensato alla stretta di mano, ma ho rimediato subito negli spogliatoi raggiungendo Hughes e scusandomi. Più che altro, il mio dissenso pendeva tutto dalla parte dell’arbitro, che nel complesso della partita ha preso decisioni poco condivisibili. D’altronde però, tutti possono avere una brutta giornata, e questa è stata la sua“.

Hughes, invece, ha preferito minimizzare l’accaduto, salvo poi lanciare qualche frecciatina al collega: “Per come la vedo io, Walter ha semplicemente dimenticato per un momento le usanze della Premier, a prescindere dai risultati dei match. Non tutti i manager stranieri magari sono a conoscenza delle nostre regole, d’altronde non è facile per loro. Noi inglesi siamo ormai una minoranza in campionato. Penso che glielo abbiano fatto notare, difatti poco dopo l’accaduto è venuto negli spogliatoi a scusarsi. Probabile che qualcuno abbia illustrato a Mazzarri la gravità della cosa, e io, dal canto mio, non ho avuto problemi a stringergli la mano, dopo una sfida parecchio tesa che deve senza dubbio averlo provato“.