FA CUP – PAGELLE CRYSTAL PALACE-MANCHESTER 1-2: un Rooney immenso trascina i Red Devils

Tutti i voti dei protagonisti della finale di Wembley, che ha visto trionfare il Manchester United.

pagelle

Pagelle Crystal Palace-Manchester United 1-2: le Eagles

Crystal Palace (4-2-3-1): Hennessey 6 ; Ward 6, Dann 6 (90+4′ Mariappa), Delaney 5.5 , Souare 6 ; Cabaye 5.5 (72′ Puncheon 6.5  ), Jedinak 6; Zaha 6.5 , Bolasie 6.5 , McArthur 6 ; Wikcham 6 (87′ Gayle). Allenatore: Pardew.

LA SQUADRA: 6 – Grande partita degli uomini di Alan Pardew, che sfiorano l’impresa di conquistare una Fa Cup, ma devono arrendersi al cuore del Manchester United. Le Eagles avrebbero potuto rischiare di più, ma nel momento decisivo dell’incontro si sono trovati davanti un De Gea super. BRAVI.

IL MIGLIORE: Zaha 6.5 – Gran partita dell’ ex Red Devils, che spacca la difesa dello United in più occasioni. E’ nettamente il più pericoloso dei suoi, unica pecca non è molto preciso sotto porta. INDEMONIATO.

IL PEGGIORE: Cabaye 5.5 – Non è stata una giornata particolarmente ispirata per il centrocampista francese. PArdew lo sostituisce con Puncheon e il Crystal Palace diventa decisamente più pericoloso. SPENTO.

Voti Crystal Palace-Manchester United 1-2: i Red Devils

Manchester United (4-2-3-1): De Gea 7 ; Valencia 6, Blind 6, Smalling 5.5 , Rojo 6(66′ Darmian 6 ); Carrick 7, Rooney 8 ; Mata 6.5(90′ Lingard 7 ), Fellaini 6.5 , Martial 6 ; Rashford 6.5 ( 72′ Young 6). Allenatore: van Gaal

LA SQUADRA: 7- I Red Devils si prendono questa coppa di prepotenza e grazie alla voglia del suo capitano che trascina tutta la squadra. Dopo tre anni di digiuno era importante tornare ad alzare un trofeo. VINCENTI.

IL MIGLIORE: Rooney 8- E’ difficile descrivere il Rooney di oggi, l’unico aggettivo adatto è ECCEZIONALE. Gioca da centrocampista e risulta decisivo in difesa, salvando il risultato nel primo tempo, mentre nel secondo dribbla tutta la difesa del Palace prima di offrire l’ assist del pareggio a Mata. INFINITO.

IL PEGGIORE: Smalling 5.5- Si fa espellere nel primo tempo supplementare, lasciando i propri compagni in dieci e rischiando di far perdere questo trofeo al Manchester. Non era decisamente in giornata, visto che arriva spesso in ritardo. DISASTRO.

Andrea Pierantozzi

24 anni,laureato in Economia.Il mio credo calcistico si basa sulla trinità Totti,Henry,Ronaldinho.Faccio parte di quelli che " noi non supereremo mai questa fase."