PAGELLE STOKE CITY-ARSENAL 1-0: i voti dei protagonisti

Ecco a voi le nostre personali pagelle dell’incontro tra Stoke City e Arsenal concluso poco fa con il punteggio di 1-0 a favore dei Potters.

pagelle real madrid-manchester united 2-1

PAGELLE STOKE CITY-ARSENAL 1-0: i Potters:

Stoke City (5-3-2): Butland 6,5, Zouma 6,5, Shawcross 6,5, Cameron 6, Diouf 6, Allen 6,5, Fletcher 6,5, Pieters 6,5 (88′ Martins Indi s.v.), Shaqiri 6 (24′ Berahino 6,5), Jese 7,5 (70′ Sobhi 6), Choupo-Moting 6,5. All. Hughes

LA SQUADRA – 7. Solida, coraggiosa e fortunata la squadra di Marc Hughes che ha sorpreso l’Arsenal con un inizio in cui ha ribattuto colpo su colpo. Una volta trovato il vantaggio è stato il momento di soffrire (tanto), ma giocando di squadra il risultato, prestigiosissimo, è arrivato. RESILIENTI.

IL MIGLIORE – Jesè 7,5. Se questo è il vero Jesè allora stiamo parlando di un grandissimo colpo. Lo spagnolo arrivato solo pochi giorni fa si è mostrato carico e in formissima. Il gol all’esordio è la cigliegina sulla torta. INDOMITO.

IL PEGGIORE -Diouf 6. Buona partita anche per lui, ma un filino sotto il livello mantenuto dai compagni nell’arco dei 90 minuti. Nessuna bocciatura ad ogni modo. UTILE.

PAGELLE STOKE CITY-ARSENAL 1-0: i Gunners:

Arsenal (3-4-2-1): Cech 6, Bellerin 6,5, Mustafi 5,5, Monreal 6, Kolasinac 6 (66′ Giroud 6,5), Oxlade-Chamberlain 5,5, Xhaka 5 (79′ Iwobi 5,5), Ramsey 6, Welbeck 6, Ozil 5,5, Lacazette 6,5 (79′ Walcott 6). All. Wenger

LA SQUADRA – 5,5. Sufficienza non raggiunta perchè queste sono partite che una squadra che vuole puntare al titolo non deve perdere. L’unica idea per recuperare (come col Leicester) è stata buttare dentro tutti gli attaccanti. Troppo poco. Difesa problematica, ma tutto sommato la sconfitta è assolutamente ingiusta per quello che si è visto. SQUILIBRATI.

IL MIGLIORE – Giroud 6,5. Resta sempre in panchina, ma ogni volta che entra in campo riesce a creare qualcosa di diverso. E’una spina nel fianco per i difensori, lotta e si sbatte, ma non riesce nel suo intento questa volta. SACRIFICATO.

IL PEGGIORE – Xhaka 5. Il suo compito è quello di dettare i tempi. Oggi lo fa con troppa lentezza, non trova mai una giocata illuminante e nel secondo tempo sparisce. Dopo la sua sostituzione l’Arsenal inizia a spingere e a creare molto di più. DISORIENTATO.