QPR vs Man City 2-2. Super Aguero salva un pessimo City

QPR vs Manchester City 2-2 (20′ Austin, 31′ Aguero, 75′ aut. De Michelis, 82′ Aguero)

Un Manchester City non nel suo miglior momento di forma e con un manager contestato per il rendimento della squadra, scende in una piovosissima Londra, al Loftus road, per affrontare un QPR desideroso di mettere in cascina più punti possibili per salvarsi.
I padroni di casa sono in un buon momento di forma e nelle ultime settimane hanno dato importanti segnali di positività e vivacità.

Esulta il QPR: gli hoops hanno giocato alla grande nel primo tempo, dando tutto e dimostrando grande intensità

PRIMO TEMPO – Manchester City che parte subito forte con Aguero che prima viene lanciato in area ma una volta in the box non trova il passaggio per l’uomo che sopraggiungeva a rimorchio, e poi con un suo tiro ai limiti dell’area che finiva di poco alto sopra la traversa.
Al settimo minuto goal annullato al QPR per evidentissima posizione di fuorigioco di AUstin (bel cross dalla fascia e colpo di testa vincente dal dischetto con la difesa in linea ai limiti dell’area).
Sul rilancio dal fondo, Hart sbaglia nel calciare la palla (2 tocchi), con questa che finisce tra i piedi di Austin che segna ma il goal è di nuovo annullato.
All’undicesimo Tourè imbecca Aguero in area ma il suo mancino viene deviato fuori da Dunne.
Al 14′ Hart compie un autentico miracolo salvando su un rigore in movimento di Austin, lasciato inspiegabilmente da solo in area dai difensori citizens.
Al 20′ QPR meritatamente in vantaggio con Austin che con un diagonale rasoterra, finalizza in area un cross basso di Isla.
Manchester City fin qui non pervenuto e difesa da mettersi le mani nei capelli, mentre QPR che continua l’assedio con una serie di calci di punizione vicino all’area e calci d’angolo.
Al 26′ Yaya Tourè con un sinistro ai limiti dell’area sibila la traversa, conclusione questa che sembra dettata più dalla disperazione che non da un preciso piano tattico.
Al 31′ straordinario goal di Aguero: imbeccato in area stoppa in maniera sontuosa un lancio lunghissimo, effettua due dribbling sui difensori e conclude in maniera vincente.
Un goal da togliersi il cappello, una prodezza assolta che dà la sveglia alla squadra.
Rivedendo il goal si può notare come Aguero fosse in fuorigioco.
Dubbi (pochi) anche su un suo presunto (netto) tocco di mano ma il goal è forse troppo bello per esser annullato.
City che pareggia ma senza alcun merito.
Al 35′ cross in area di Navas ed Aguero che colpisce la palla in maniera sporca ma che crea comunque preoccupazione per il portiere.
Al 43′ Austin mette severamente alla prova Hart in due occasioni, anche grazie ad altre amnesie della difesa dei citizens.
Finisce 1-1 un primo tempo dominato in lungo ed in largo dal QPR.

La prodezza di Aguero è da togliersi il cappello

SECONDO TEMPO – La frazione inizia in maniera intensa con un pericoloso cross basso di Navas, sventato dalla difesa londinese.
Replica il QPR: bella ragnatela di passaggi tra Vargas-Zamora-Austin ma l’azione è fermata in area di rigore all’ultimo da mangala.
Sul capovolgimento di fronte Nasri dal fondo in area la mette al centro ma il cross basso che passa a mezzo metro dalla linea di porta non viene toccato da nessuno.
QPR non si fa intimorire e con Fer va vicino al goal.
Al 51′ Tourè la crossa in mezzo ma sul rasoterra non interviene nessuno.
Un minuto dopo viene annullato un goal al QPR per posizione in fuorigioco di Zamora, in ogni caso De Michelis e Mangala sembrano in enorme difficoltà.
Il City sembra giocare leggermente meglio rispetto alla prima fazione ma il QPR si fa ancora nettamente preferire in fatto di determinazione, voglia di vincere ed idee..
Al 61′ ripartenza micidiale del QPR e Fernando al centro dell’area salva la situazione con Austin pronto a correggere il cross di Zamora in rete.
QPR ancora vicino al goal al 62′: cross dalla fascia sinistra, tiro al volo di Vargas e deviazione di Caulker che termina di poco fuori.
Al 65′ Vargas in area in posizione profonda ma defilata stoppa la palla e tira ma la conclusione è innocua per Hart.
Al 75′ QPR di nuovo avanti: cross di Austin dalla fascia destra e De Michelis, per anticipare Zamora, insacca nella sua porta.
Dopo un minuto Barton serve di testa Green ma Aguero intercetta e scarta Green ma i difensori del QPR impediscono l’appoggio finale vincente in rete.
Al 78′ bellissima rovesciata di Vargas che termina di poco fuori, sul capovolgimento di fronte i londinesi salvano prima su Milner (di testa), poi sul tiro di Tourè, ancora sul diagonale ancora di Milner ed infine sul tentativo di Sagna.
Pareggia il Manchester City al 82′, ancora con Aguero, un campione assoluto: lancio di Tourè per l’argentino che in area scarta il portiere e segna.
Il QPR non ci sta e vuole la vittoria: Vargas ed Austin cercano il dialogo ma la difesa degli ospiti riesce sempre a sventare.
La squadra di Pellegrini viene murata al 90′ da Barton su tiro di Tourè e così pure la difesa degli hoops mura su Aguero.
Termina così la prtita con i padroni di casa che confermano tutte le ottime indicazioni recentemente dimostrate.
Male il City, salvato oggi in più occasioni da Hart e da Aguero.

Edoardo Orlandi

Edoardo83

Laureato in giurisprudenza, ama l'antichità classica greco-romana, il basket NBA e la Premier League. Tifa per l'Inter ed il Chelsea

Latest posts by Edoardo83 (see all)