Southampton-Manchester City 0-3, grande prova dei Citizens

Si è respirato profumo di alta classifica quest’oggi al St.Mary’s: ad affrontarsi, infatti, sono state la seconda e la terza in classifica, ossia il Southampton di Ronald Koeman e il Manchester City di Mauricio Pellegrini. Queste le formazioni iniziali:

PRIMO TEMPO – Com’era ampiamente pronosticabile, l’inizio di gara è stato parecchio vibrante e combattuto. Al 9° assistiamo al primo episodio importante della gara: Aguero entra in area, Josè Fonte lo falcia, ma Mike Jones ammonisce incredibilmente l’attaccante argentino per simulazione; al 20° assistiamo a una doppia, clamorosa occasione da gol per i Saints: Schneiderlin scucchiaia in area per Pellè, che davanti a Hart non trova il tap-in vincente, il pallone carambola sui piedi di Davies, di cui la zampata a pochi cm dalla linea di porta viene murata ancora una volta dall’impavido portiere della nazionale inglese. Al 29° il City va vicinissimo al gol del vantaggio, questa volta con Jovetic, che davanti a Forster scarica un sinistro che passa tra le gambe dell’estremo difensore dei Saints e carambola vertiginosamente sulla coscia sinistra di Alderweireld, che riesce così a salvare sulla linea una ghiottissima occasione per i Citizens. La prima frazione di gara va in archivio, senza ulteriori sussulti, dopo 2 minuti di recupero.

SECONDO TEMPO – Il Southampton parte fortissimo: al 48° Dusan Tadic riesce ad accentrarsi con una bella sterzata e scarica un sinistro molto potente, che però lambisce solamente il palo alla destra di Hart. Al 51° arriva la svolta del match: in area Aguero passa il pallone all’indietro per Yaya Tourè, che dal limite prova la botta di destro, con il pallone che supera una selva di gambe e va ad insaccarsi nell’angolino basso alla destra di Forster. Southampton 0 – City 1! Al 72° i Citizens “rischiano” di raddoppiare il vantaggio: Jesus Navas elude il pressing di Wanyama con una straordinaria finta di corpo, si invola verso la porta avversaria e dal limite prova la botta di destro, che finisce però a lato della porta difesa da Forster. Esattamente un minuto dopo, Mangala viene spedito sotto la doccia in anticipo per un intervento falloso su Long: doppia ammonizione e cartellino rosso. Ma 7 minuti più tardi (80°) il City riesce ad archiviare la pratica Saints, nonostante l’inferiorità numerica: a siglare il gol del raddoppio è un maestro della Premier League, Frankie Lampard (entrato da poco, tra l’altro), che sigla così il 174° gol nel massimo campionato inglese (e l’ottavo al Southampton, una delle sue “vittime” preferite”). All’84° Aguero ha l’occasione di affossare ulteriormente la compagine di Koeman: non funziona la trappola del fuorigioco dei Saints, il Kun si invola solo soletto verso Forster ma nel tentativo di dribblarlo viene arpionato abilmente da quest’ultimo. All’88° assistiamo al crollo totale del Southampton: Aguero serve Clichy in mezzo all’area e il terzino francese ex Arsenal capitalizza il tutto in rete con un bel piattone destro. Dopo 5 minuti di recupero, arriva il triplice fischio di Jones: al St.Mary’s finisce 3 a 0 per il City.

LA CLASSIFICA – Brutta battuta d’arresto per i Saints, che in 6 giorni riescono a raccogliere solo il punto conquistato sul campo dell’Aston Villa e vengono così scavalcati in classifica proprio dal Manchester City. Classifica che ora recita: Chelsea 33 punti, Manchester City 27 pt. e Southampton 26 pt. Entrambe saranno impegnate Mercoledì sera nel turno infrasettimanale del campionato: i Saints se la dovranno vedere con l’Arsenal all’Emirates Stadium, mentre i Citizens dovranno far visita a un Sunderland galvanizzato dal pareggio interno contro la capolista Chelsea.

Riccardo Scoccola

Affetto da una strana forma di anglomania... #EnglishFootballRules