SUNDERLAND – La rivincita di Mannone

Carriera non semplice quella di Vito Mannone con la maglia del Sunderland.
Da rilegato alla panchina con qualche sporadica apparizione al record di parate in un solo match.

Ogni volta una nuova sfida per doversi guadagnare la fiducia del mister. È stato questo il fardello della carriera del portiere italiano: per ogni presenza conquistata a suon di parate c’era sempre qualcuno pronto a rilegarlo in panchina. E così è accaduto anche all’inizio di questa stagione.
Sam Allardyce aveva dichiarato di stravedere per il giovane italiano tanto da aver ammesso: “Per la prossima stagione ripartiremo da Mannone e Defoe“. Con queste parole è arrivato anche il rinnovo contrattuale.
Le cose però cambiano quando il manager diventa il nuovo ct inglese, lasciando così la panchina del Sunderland a Moyes.
Con lui Mannone parte titolare grazie alle ottime prestazioni accantonate nella scorsa Premier, complici di un’insperata salvezza dei Black Cats.
Durante un allenamento, però, il portiere subisce un infortunio al legamento del gomito che lo costringe ad uno stop forzato facendo subentrare al suo posto Pickford, classe ’94 prodotto dell’Academy dei Black Cats. Quando l’italiano sarà poi pronto per rientrare, il posto da titolare ormai è perso in quanto la società avrà deciso di puntare tutto sul giovane inglese.

Per Mannone resta la delusione ma anche la voglia di allenarsi ancora più duramente per dimostrare il proprio valore. Allo stesso tempo su di lui iniziano a sollevarsi anche alcune voci di mercato, ma Moyes apprezza la sua professionalità e non sembra avere nessuna intenzione di cederlo.
Succede però che Pickford si infortuna nel match contro il Manchester United e tocca di nuovo a Mannone stazionare tra i pali dei Black Cats.
Il ritorno in campo non è dei migliori: torna tra i pali contro il Burnley, ma nella sconfitta dei suoi per 4-1 non è esente da colpe. Poi arriva il match della svolta: allo ‘Stadium of Light‘ arriva il Liverpool ed il portiere italiano torna a vestire i panni di Superman: 13 parate in 90 minuti. Record stagionale di salvataggi in una sola partita. Con conseguente selezione nel team of the week di Premier League.
La società lo blinda: a gennaio non si muove.
Adesso, quella che più preme è la continuità. La voglia di riprendersi ciò che nella sua testa non aveva mai realmente perso, magari sperando nell’occasione giusta per mettersi in mostra in vista del mercato estivo.