Inghilterra-Estonia 2-0: Walcott e Sterling piegano in due gli estoni

Ecco il tabellino e la cronaca di Inghilterra-Estonia 2-0.

tabellino inghilterra-estonia 2-0

PRIMO TEMPO – Prima frazione che si apre con un lucidissimo Walcott che impegna più volte Aksalu, il migliore tra i suoi. E’ un Inghilterra spavalda che concede anche ripartenze agli avversari. L’Estonia sfiora il vantaggio ma poi non si rivede più di tanto nella zona di Hart: una difesa come quella inglese di stasera farebbe comodo a più di un allenatore. Smalling e Cahill in grande spolvero.
Gli ospiti, dicevamo, reggono un tempo. Esatto, perchè al 45′ Barkley inventa un pallone che Walcott deve solo controllare e buttare in rete: 1-0. In vantaggio gli inglesi.

SECONDO TEMPO – Seconda frazione che sembra la fotocopia della prima anche perchè l’Estonia non va lontana dal pareggio in più occasioni. Ancora bravo Hart e la difesa dei tre leoni che controlla le varie situazioni pericolose.
Inghilterra che cerca il raddoppio con Kane e lo stesso Walcott ma Aksalu dimostra che quel posto potrebbe anche diventare il suo nelle prossime gare.
Si dovrà arrendere solo a Sterling, servito dal neo entrato Vardy all’85’, che chiude i conti davanti alla porta ormai sguarnita: 2-0.
Inghilterra a punteggio pieno e primissima in classifica, Estonia che non sfrutta il pareggio della Slovenia ed è lontana 3 punti dal terzo posto nel girone.

Inghilterra-Estonia 2-0, il tabellino

INGHILTERRA (4-3-3): Hart; Clyne, Smalling, Cahill, Bertrand; Lallana (73′ Chamberlain), Milner, Barkley (88′ Alli); Walcott (83′ Vardy), Kane, Sterling.
All. Hodgson.

ESTONIA (4-4-2): Aksalu; Teniste, Jaager, Klavan, Pikk; Zenjov, Dmitrijev (70′ Lindpere), Mets, Vassiljev, Kallaste (88′ Luts); Purje (70′ Puri).
All. Pehrsson.

MARCATORI: 45′ Walcott (I) – 85′ Sterling (I)

AMMONITI: 73′ Pikk (E)

ESPULSI: //

ARBITRO: Vad I. (Hun)

STADIO: Wembley | Londra

Giuseppe Chiarolla
FOLLOW ME

Giuseppe Chiarolla

Classe 1996. Malato di calcio da quando aveva 6 anni. Innamorato delle notizie.
- C'è sempre una storia dietro poche righe -
Giuseppe Chiarolla
FOLLOW ME