THE ENGLISH OF EURO 2016 – Croazia-Portogallo e Francia-Irlanda: i voti

Ecco come si sono comportati The English of Euro 2016, ossia i giocatori delle varie nazionali che militano in squadre di Premier. Qui di seguito, i voti dei secondi due ottavi di finali disputati in questi Europei di Francia, Croazia-Portogallo e Francia-Irlanda.

Gli “inglesi” della CROAZIA

Nessun “inglese” tra i convocati.

Gli “inglesi” del PORTOGALLO

José Fonte (Southampton) – 6,5: Sempre molto attento e ben concentrato su ogni azione di gioco. Va a braccetto con Pepe.

Cèdric (Southampton) – 5,5 – Sempre presente sulla fascia ma sbaglia spesso in fase offensiva.

Gli “inglesi” della FRANCIA

Lloris (Tottenham) – 6,5: Evita la rete del raddoppio di Long con un’uscita provvidenziale salvando il risultato.

Koscielny (Arsenal) – 6: Partita attenta e precisa la sua. Salva più volte la squadra da interventi irlandesi.

Mangala (Manchester City) – //

Sagna (Manchester City) – 6,5: Nella seconda frazione di gioco la Francia cresce anche grazie al suo miglioramento sul campo. Galoppa molto e regala l’assist della seconda rete francese.

Cabaye (Crystal Palace) – //

Schneiderlin (Manchester United) – //

Kanté (Leicester) – 5: Appare stanco e nel primo tempo fatica davvero molto con il gioco fisico degli irlandesi. Gioca soltanto un tempo.

Sissoko (Newcastle) – sv.: Entra al 91′ costituendo Coman.

Giroud (Arsenal) – 5,5: Da lui ci si aspetta decisamente di più. Buone le sue giocate in fase di sponda con gli assist a Griezmann per il gol. Merito suo anche l’espulsione di Duffy, ma niente di più.

Martial (Manchester United) – //

Payet (West Ham) – 6: Appare meno brillante del solito, ma si crea comunque pericoloso per gli avversari. Impensieriscono soprattutto le conclusioni da fuori area.

Gli “inglesi” dell’ IRLANDA

Given (Stoke) – //

Randolph (West Ham) – 6: Non può davvero nulla sulle due reti di Griezmann. Per il resto para davvero tutto.

Westwood (Sheffield Wed) – //

Seamus Coleman (Everton) – 5: Rispetto al solito si fa vedere molto poco in fase offensiva e spinge molto meno.

Cyrus Christie (Derby) – //

Ciaran Clark (Aston Villa) – //

Richard Keogh (Derby) – 5: Giroud si prende gioco di lui ed evita la sua marcatura servendo Griezmann. Nella ripresa viene completamente travolto dal reparto offensivo francese.

John O’Shea (Sunderland) – 6: Entra al 69′ sostituendo McClean. Il suo ingresso rimette in ordine la difesa, ma può poco contro l’attacco francese.

 Shane Duffy (Blackburn) – 4: Non riesce mai a contenere la furia di Griezmann fino a farsi espellere. Un secondo tempo completamente da dimenticare per lui.

Stephen Ward (Burnley) – 5,5: Soffre l’ingresso di Coman e la spinta di Sagna.

Aiden McGeady (Sheffield Wednesday) – //

James McClean (West Brom) – 5,5: Primo tempo non male, ma nella seconda frazione di gioco la stanchezza lascia spazio all’imprecisione e i suoi passaggi diventano facili assist per i giocatori avversari.

Glenn Whelan (Stoke City) – //

James McCarthy (Everton) -6,5: Buona la prova del centrocampista irlandese che cerca di dare ordine al gioco e alla squadra.

Jeff Hendrick (Derby County) – 6: Si fa vedere spesso. Lotta su ogni pallone e gestisce bene il gioco. Cala solo un po’ nei minuti conclusivi del match.

David Meyler (Hull City) – //

Stephen Quinn (Reading) – //

Wes Hoolahan (Norwich) – 5,5: Entra al 72′ sostituendo McCarthy. Il suo ingresso non comporta nessuna novità sulla gara.

Robbie Brady (Norwich) – 6: Si presenta freddissimo sul dischetto del rigore segnando il momentaneo vantaggio degli irlandesi. Nel primo tempo si mette in mostra per qualche altra buona giocata, ma nella seconda frazione di gioco cala vistosamente non riuscendo più a trovare spunti.

Shane Long (Southampton) – 6,5: Dopo due minuti si procura il calcio di rigore e rimane pericoloso tutto il tempo per la difesa francese. Grande spirito di sacrificio.

Daryl Murphy (Ipswich) – 5,5: Aiuta Long come può, ma la sua tecnica non è al livello del collega di reparto. Lotta molto, ma concretizza quasi niente.