TOTTENHAM – Gli Spurs e la maledizione di Wembley

Per il Tottenham continua la maledizione di Wembley: soltanto due vittorie nella casa provvisoria, aspettando il ritorno nel White Hart Lane del futuro.

La squadra che sembrava essere una macchina da guerra a White Hart Lane è diventata un gruppo di giocatori ingenui e sprovveduti dentro le mura di Wembley.
Il brutto inizio di campionato del Tottenham rischia di avere conseguenze disastrose: il Manchester United è già in fuga, il Liverpool vince e diverte, Manchester City e Chelsea seguono il passo ed inseguono Mourinho.
Nell’ultima sfida di campionato il Burnley è riuscito a pareggiare contro gli Spurs allo scadere del tempo regolamentare: il gol di Wood ha annullato il vantaggio di Alli e lasciato gli Spurs a metà classifica con 4 punti.
Nemmeno una vittoria nel doppio turno casalingo con i Clarets e nello scontro diretto col Chelsea di mister Conte: un chiaro segnale che la squadra di Pochettino stia soffrendo il trasferimento a Wembley.

Infatti, tra le sei big del calcio inglese, gli Spurs sono la squadra con la media di vittorie più bassa nel nuovo Wembley: in dodici partite disputate, senza tralasciare la fase a gironi della scorsa Champions League, il Tottenham conta solamente due vittorie all’attivo. La squadra dovrà, però, imparare a convivere con questo stadio per altre 35 giornate di Premier. Infatti, il nuovo stadio degli Spurs che sorgerà proprio sul terreno dell’ormai demolito White Hart Lane, sarà pronto soltanto per la prossima stagione.