CHELSEA – John Terry lascia ma non si ferma. Futuro in Championship?

Le leggende a volte lasciano, ma, come tali, non verranno mai dimenticate. Anche nel caso decidano di chiudere la carriera in un’altra squadra dopo quasi vent’anni di totale fedeltà.

E’ il caso di John Terry, storico capitano di un Chelsea che, nel nuovo millennio, ha avuto quella crescita a livello Internazionale che tanto mancava ai suoi tifosi.

L’era Abramovich ha avuto in lui e Frank Lampard due solidi, affidabili e leali pilastri: con loro in campo, due veri e propri capitani, il club londinese è riuscito negli ultimi 10 anni a ottenere i numerosi trionfi che il magnate russo auspicava.

Ma, dopo l’ultima stagione trascorsa quasi interamente a guardare i compagni dalla panchina, JT ha deciso di lasciare i blues. Una carriera gloriosa come la sua meritava un’altra conclusione. E allora abdicare si, smettere nemmeno per sogno; il guerriero ha ancora voglia di lottare, seppur per altri obiettivi.

La voce che sta girando in maniera più insistente nelle ultime ore è quella che lo porterebbe a vestire la maglia di un’altro club londinese: si tratta dell’Aston Villa, retrocesso malamente un anno fa e protagonista di un’ annata a dir poco anonima in Championship.

Un acquisto del calibro di Terry potrebbe portare esperienza ed entusiasmo a un ambiente deluso come quello del Villa Park. Al contempo, darebbe la possibilità al granitico difensore inglese di rimettersi in gioco, ritrovare nuovi stimoli e dimostrare a se stesso e a un’intera nazione, che le critiche nei suoi confronti erano esagerate.

Ad oggi si parla solo di primi contatti; ma gli indizi che portano a questo matrimonio, paiono rendere i rumors fondati, col giocatore che non sarebbe nemmeno costretto a stravolgere a 37 anni la sua quotidianità, rimanendo, di fatto, nella sua Londra.

Quella Londra che dalle parti di Stamford Bridge lo accoglierà sempre come il suo capitano.