Il Chelsea scopre James, ecco i nuovi talenti “sconosciuti” del calcio inglese

0
96
Photo by Getty Images

Reece James è il nuovo talentino “made in England” di casa Chelsea. Ieri sera contro l’Ajax ha siglato il suo primo gol con la maglia dei Blues nell’incredibile 4-4 andato in scena a Stamford Bridge. James, terzino destro in grado di giocare come centrale difensivo o come mediano, è l’ennesimo pezzo pregiato dei giovani gioiellini a disposizione di Frank Lampard. Dopo Abraham, Mount, Tomori e il rientrante Hudson-Odoi, James è pronto a costituire la nuova colonna inglese dei blu di Londra. Dopo una stagione da titolare indiscusso al Wigan in Championship, James si sta pian piano ritagliando il suo spazio al Chelsea: tre presenze in campionato e tre in Champions League con la prima rete siglata ieri.

Photo by Getty Images

Spazio che si sta ritagliando anche Bukayo Saka, nuovo gioiellino del vivaio dell’Arsenal. Saka, classe 2001, è un esterno d’attacco molto veloce e abile con entrambi i piedi. Dopo Reiss Nelson ed Eddie Nketiah (quest’ultimo in prestito al Leeds), è lui il nuovo gioiellino dell’academy dei Gunners. Con il suo talento ha già stregato Unai Emery, che in diverse occasioni gli ha concesso anche di indossare una maglia da titolare.

Photo by Getty Images

Ma quali sono gli altri talenti giovanissimi del calcio inglese in rampa di lancio di proprietà delle big? Foden, Mount, Tomori, Sessegnon e tanti altri sono già noti al grande pubblico e stanno consolidando sempre più le proprie prestazioni. Ci permettiamo invece di segnalare Emile Smith Rowe, centrocampista offensivo classe 2000, anche lui di proprietà dell’Arsenal. Il Manchester United risponde invece con Mason Greenwood, attaccante del 2001, da molti considerato il nuovo gioiellino ‘alla Rashford’ dell’academy dei Red Devils e con Angel Gomes, di origini angolane, esterno offensivo minuto ma estremamente tecnico. I cugini del Manchester City replicano invece con Ian Poveda, attaccante di origini colombiane del 2000, che Guardiola ha deciso di convocare per la sfida di Champions League contro l’Atalanta in programma stasera a Milano. Sono loro il futuro di un calcio inglese sempre più florido di talenti.