Chelsea-West Ham 2-0, pagelle e tabellino. Super Hazard trascina i Blues, martelli al tappeto

0
238

Altri tre punti fondamentali per il Chelsea di Sarri, che bissa il pesantissimo successo di Cardiff e batte 2-0 il West Ham, mostrando finalmente quella continuità necessaria per puntare la prossima Champions League. Brilla meravigliosamente la stella di Eden Hazard, decisivo come non mai: doppietta straordinaria, gol da leccarsi i baffi, giocate e tocchi planetari.

Si infiamma così la corsa Champions più folle e intrigante degli ultimi anni. In ribasso le quotazioni di United e Arsenal, in rialzo quelle del Tottenham, favorito da un calendario più che abbordabile. Sarri pronto al gran finale: tra Europa e Premier un mese che può riscrivere il suo futuro sulle rive del Tamigi.

CRONACA

Le premesse Sarri a caccia di continuità in un finale di stagione pregno di impegni. Tre punti fortunati a Cardiff, necessari per insidiare londinesi e United e continuare a gettare benzina sul fuoco per la corsa Champions più bella degli ultimi anni. Se il Manchester City dovesse battere il Watford in finale di FA Cup, si libererebbe anche il settimo posto per conquistare l’Europa League: il West Ham concorre, sfida a distanza con Everton, Wolves, Hornets stesse. Pellegrini non ha niente da perdere e lancia dal primo minuto il tridente Arnautovic, Anderson e Chicharito, supportati addirittura dalla fantasia del rientrante Lanzini. Dall’altra parte Sarri sceglie Hudson-Odoi, che completa il tridente con Hazard e Higuain. A centrocampo chance per Loftus-Cheek al fianco di Jorginho e Kantè; in difesa occasione per Palmieri, confermati tutti gli altri elementi: Azpilicueta, Luiz e Rudiger davanti a Kepa.

Primo tempo di marca Blues Chelsea padrone, West Ham che difende con ordine. Serve una giocata sulla trequarti per rompere gli schemi e sbloccare la gara. La percussione di Kantè col suo sinistro che termina alto rappresentano il preludio del gol. Si accende Hazard, salta semplicemente Noble, punta l’area di rigore, gioco di gambe sopraffino per superare in un sol colpo sia Ogbonna che Balbuena, sinistro velocissimo in diagonale a battere Fabiansky e Chelsea in vantaggio. Tutti in piedi a Stamford Bridge: ancora una volta l’asso blues trascinatore tecnico dei suoi compagni. Compagni che potrebbero anche raddoppiare, ma Fabiansky risponde bene al diagonale di Hudson-Odoi. Una torsione di Higuain si spegne sul fondo, così come gli ultimi tentativi del pipita stesso protagonista di movimenti perfetti e come sempre utilissimi per i suoi compagni.

Ripresa scoppiettante Nella ripresa scoppia la partita. Il ritorno degli Hammers, spavaldi e determinati, caricati dalla spinta del loro settore ospiti. Derby all’ennesima potenza, il Chelsea trema: occasionissima per Lanzini e respinta di Kepa, gran conclusione di Cresswell e sfera di poco distante dai pali blues. La partita si stabilizza, regna equilibrio. Tutto prima del furente finale di gara: le squadre si aprono, occasioni da una parte e dall’altra. Serie di corners impressionante e occasioni per Arnautovic e Balbuena, contropiedi sul versante opposto non concretizzati da Barkley e Giroud. Proprio il neoentrato Ross confeziona al tramonto di gara l’assist decisivo per chiudere il match: gran palla sul palo lungo, stop e diagonale del campionissimo Eden. 2-0 e urlo liberatorio di Maurizio Sarri. Finalmente continuo, il suo Chelsea ha iniziato a spingere: ottimo inizio di un finale di stagione che può riscrivere il destino del tecnico toscano sulle rive del Tamigi.

PAGELLE E TABELLINO

Chelsea 4-3-3: Kepa 6.5, Azpilicueta 6.5 Rudiger 7 Luiz 6 Emerson 6, Kantè 7 Jorginho 6.5 Loftus Cheek 6 (70′ Barkley 6.5), Hudson-Odoi 6.5 (85′ Pedro sv) Higuain 6.5 (76′ Giroud 6) Hazard 8.

Il migliore Eden Hazard 8 Fuoriclasse, immenso, campione vero. Decisivo, formidabile, trascinatore tecnico dei suoi compagni. Spiegato il motivo per cui il prossimo anno probabilmente giocherà al Santiago Bernabeu. L’elemento più forte del Chelsea, e Sarri lo sa. L’uomo che può cambiare i destini blues, definitivamente sbocciato e maturato. Meravigliosa sintesi tra 7 e 10, gol a grappoli come i veri 9.

West Ham 4-2-3-1: Fabiansky 6, Fredericks 5.5 Balbuena 5.5 Ogbonna 5.5 Cresswell 6, Rice 6 Noble 5, Arnautovic 5.5 Lanzini 5.5 Felipe 5, Chicharito 5.5

Prestazione incolore di tantissimi elementi Hammers. Buona quella dei due centrali, protagonisti però di una gran figuraccia in occasione del vantaggio Blues: Hazard li spedisce al bar, inesorabilmente. Lento, compassato e sorprendentemente debole Noble; evanescente e irritante Felipe Anderson. Giornataccia per Arnautovic, troppo isolato Chicharito Hernandez.

Marcatori: 24′ Hazard, 90′ Hazard. Ammoniti: Ogbonna, Azpilicueta, Kepa.