Dortmund-Tottenham 0-1, pagelle e tabellino. Missione compiuta: Spurs ai quarti

0
135

Prestazione solida, matura, esperta di un Tottenham Hotspur che supera definitivamente l’esame Borussia Dortmund e conquista per la terza volta nel corso della sua storia l’accesso ai quarti di finale di Champions League. Spurs corsari anche in Germania, decide l’uragano Harry Kane per l’1-0 finale che vale un aggregate di 4-0. Crisi alle spalle, crisi che sta divorando un giovanissimo Dortmund, fuori dalla Champions e ripreso dal Bayern in Bundesliga.

CRONACA

Tottenham abbottonato, un 3-5-2 compatto e denso, folto, foltissimo. L’ideale per annientare le trame di un Dortmund a trazione ovviamente anteriore, per rimontare il 3-0 di Wembley. Un 4-1-4-1 stile Guardiola, con Reus e Gotze trequartisti centrali a lanciare Sancho e Alcazer. In panchina Pulisic, scelta tecnica di Favre.

Due squadre che vivono momenti difficilissimi nei loro campionati, ma stasera è tutta un’altra storia. Il Borussia trova trame interessanti e arriva diverse volte al tiro dal limite, ma serve il cambio di passo, un cambio di passo che arriva alla mezzora. Insistono i gialloneri, che costruiscono tre o quattro colossali palle gol nel giro di pochissimi minuti, ma nè Reus nè i suoi compagni trovano il guizzo vincente, battuti da un sontuoso Hugo Lloris.

L’esperto portierone francese manda gli Spurs all’intervallo in parità, l’ideale per Pochettino. L’ideale perchè, finalmente da grande squadra, il Tottenham colpisce ad inizio ripresa: grande strappo di Sissoko, filtrante per Kane, pallone che gonfia la rete. Tottenham avanti, freddata ogni speranza giallonera. Da lì in poi solo sterile possesso palla per il Borussia e mera accademia per gli Spurs, che difendono con ordine e rischiano pure di raddoppiare in un paio di occasioni. Settore ospiti in visibilio, missione compiuta: Pochettino ai quarti.

PAGELLE E TABELLINO

Borussia Dortmund 4-1-4-1: Buerki 6, Wolf 5 (62′ Bruun Larsen 6) Akanji 6 Weigl 6 Diallo 6, Witsel 6, Sancho 5.5 Reus 6.5 (74′ Delaney 6) Gotze 6 Guerreiro 6(62′ Pulisic 5.5), Alcacer 5.5.

Il migliore Reus: campione vero, uno dei pochi a non arrendersi mai. Nel primo tempo soluzioni balistiche e giocate d’altissima scuola, per imprimere, con classe, e che classe, il suo marchio sul match.

Il peggiore Wolf 5: Schierato esterno basso a destra, mostra lacune e sbaglia scelte e passaggi semplici. Spinge male, sbaglia costantemente cross.

Tottenham 3-5-2: Lloris 7.5, Alderweireld 6,5 Sanchez 6 Vertonghen 7, Aurier 6.5 Sissoko 7 Winks 6 (55′ Dier) Eriksen 5.5 (83′ Rose sv) Davies 6, Son 5.5 (71′ Lamela 6) Kane 6.5.

Il migliore Lloris 7.5 Sontuosa prestazione di una sicurezza come Jan Vertonghen e del solito Moussa Sissoko, rivelazione e giocatore dell’anno in casa Tottenham, ma il migliore in campo va naturalmente al decisivo Hugo Lloris. Discuterlo resta utopia: interventi decisivi da grande campione, classe e tecnica da portiere da vendere. Soltanto mesi fa alzò al cielo un Mondiale, si vede.

I peggiori Eriksen e Son 5.5: stanco e privo di idee il primo, stremato e disordinato il secondo. Dopo un grande inverno i due vivono un momento di appannamento. A Southampton tornano Lucas e Lamela?

Marcatori: 49′ Kane. Nessun ammonito. Possesso: 66-34%. Corner 10-5