Riscatto Guardiola. Man City – Tottenham 1-0, pagelle e tabellino. Pep torna in testa

0
196

di Simone Dell’Uomo

Partita maschia, tesa, tirata. Una battaglia di nervi. Alla fine il Manchester City la spunta e conquista la sua rivincita battendo 1-0 il Tottenham e riconquistando la vetta della Premier League. Basta un gol del pupillo Phil Foden dopo pochi minuti per piegare gli Spurs, pieni d’assenze e fisicamente stremati dopo le magiche notti europee. Pomeriggio opaco per i londinesi. Gara a tratti noiosa, completamente diversa dai botti del mercoledì da leoni. Guardiola che torna dunque in testa controsorpassando il Liverpool, per una corsa al titolo straordinaria che terrà i cuori delle due tifoserie fino alla fine.

CRONACA

Bastano 5 minuti al Manchester City per sbloccare la gara. Torre d’Aguero e zuccata vincente di Phil Foden. Gli Spurs provano a graffiare in contropiede col solito Son, senza successo, stavolta. Il City controlla e conclude diverse volte da fuori, prima con Bernardo Silva poi con De Bruyne, che prima dell’intervallo esce per l’ennesimo infortunio muscolare. Peccato, soprattutto in vista del derby di Manchester. Resta Kevin il motore fisicamente più offensivo dell’undici di Pep.

Nella ripresa il City riparte forte ma non arriva il raddoppio. Clamoroso fallo di mani di Walker in area City: in Premier niente Var, Oliver lascia giocare. Sarebbe stato rigore per gli Spurs, vibranti proteste di Dele Alli. Il City non riesce a chiudere: solo una palla gol piuttosto clamorosa per Sterling, ottima respinta di Gazzaniga. Poi tensione e paura: tanta paura, City mai così in difficoltà. Ma il Tottenham è stanchissimo e non riesce a pungere, nonostante un’ottima percussione di Lucas Moura. La gara si esaurisce così: Guardiola e l’Etihad si scrollano di dosso una tremenda paura, tre punti fondamentali.

PAGELLE E TABELLINO

Manchester City 4-3-3: Ederson 6, Walker 6 Stones 6 Laporte 7 Zinchenko 6, Foden 6.5 (85′ David Silva sv) Gundogan 6 De Bruyne 6 (38′ Fernandinho 6), Bernardo Silva 7.5 Aguero 6.5 (66′ Sanè 6) Sterling 6.

Il migliore Bernardo Silva 7.5: motorino offensivo del Man City, top player sbocciato ormai a grandissimi livelli, Guardiola aveva ragione. Nel primo tempo è scatenato: punta Davies e riesce sempre ad andare alla conclusione. Nella ripresa sempre attivo, nel finale sempre in prima linea per gestire la sfera. Benissimo anche Laporte, che riscatta la prestazione di mercoledì. Nessun peggiore in campo.

Tottenham 3-5-2: Gazzaniga 6.5, Sanchez 6.5 Alderweireld 6 (78′ Llorente sv) Vertonghen 6, Foyth 5.5 Alli 6  (69′ Rose 5.5) Dier 5.5 (61′ Wanyama 6) Eriksen 6 Davies 5.5, Lucas 6 Son 6.

I migliori Gazzaniga e Sanchez 6.5 Ottimo reattività e gran possenza tra i pali per l’estremo difensore argentino, ennesima prestazione brillante di un ragazzo che in assenza di Lloris sa sempre farsi trovare pronto. Positiva e grintosa anche quella del centrale colombiano.

I peggiori Foyth, Dier e Rose 5.5: acerbo e fuori ruolo il centrale argentino schierato quinto a destra; ancora lontano dalla miglior condizione l’incontrista britannico, così come disordinato e senza idee l’esterno entrato a far la mezzala. Poca spinta e scelte sbagliate.

Marcatori: 5′ Foden.

Ammoniti: Sterling, Wanyama, Vertonghen. Possesso: 65-35%. Tiri totali: 10-7.