Ali quando torni? Cosa sappiamo sul numero 1

Dal suo infortunio al Norwich ad oggi la domanda è stata sempre la stessa: Ali quando torni? Ecco quello che sappiamo sulle condizioni del numero 1 in rosso

0
147

Nella partita di apertura con il Norwich il Liverpool ha ottenuto una confortevole vittoria 4-1. Una serata tranquilla, se non fosse che nel primo tempo, con il risultato già in cassaforte, Alisson si accasci per terra toccandosi la gamba. Una situazione preoccupante, perché già dal replay si intuisce che la dinamica dell’infortunio non è delle migliori: rinvio, gamba che cede, preoccupazione. Forse una zolla a causare il tutto, perché Alisson guarda stizzito il punto del terreno in cui avviene il tutto. Dopo qualche minuto in cui lo staff medico si accerta delle sue condizioni, il portierone brasiliano esce sulle sue gambe. Una visione confortante, sebbene sia costretto ad essere sostituito. Ora, ad un mese pieno da quell’infortunio, la domanda è: Ali quando torni? Vediamo allora cosa sappiamo sul numero 1 in maglia rossa.

Alisson premiato a luglio come miglior portiere della Copa America vinta col suo Brasile

Vedendo l’infortunio dal primo replay, la prima impressione che chi vi scrive ha avuto non è stata positiva: tendine d’Achille. Una gamba che cede in quel modo fa sempre pensare al peggio. Poi le prime notizie di Klopp, un allenatore sempre molto realista nell’annunciare un infortunio. Le sue parole positive, sebbene il brasiliano sia costretto a stare fuori qualche settimana. La diagnosi infatti sembra virare più sul polpaccio: «6-8 settimane» dice lo staff medico.

[qui una lettura più approfondita dell’infortunio, sotto la stessa con supporto video]

Niente Supercoppa dunque, che il Liverpool vince ai rigori, niente campo fino alla quarta di campionato a Burnley. Nel frattempo vince il UEFA Best Goalkeeper of the Year relativo alla scorsa Champions, venendo anche inserito nel Best XI. Da quanto si apprende in queste ore, anche durante la pausa per le nazionali Alisson Becker ha preferito rimanere dalle parti di Melwood, per poter lavorare sia con i medici che con l’allenatore dei portieri. Già qualche giorno fa ha postato una storia Instagram da Melwood, qui raccolta su Twitter.

Nel frattempo Adrian sta difendendo bene i pali rossi. Un solo grave errore, che ha portato al gol di Danny Ings a Southampton alla seconda di campionato. Ma anche qualche bell’intervento, compresa una grande parata su Yoshida nella stessa partita. Un’occasione unica per il portiere spagnolo per poter dimostrare di poter fare il secondo in una squadra che punta a vincere trofei ogni anno.

In questo frangente l’intenzione del Liverpool è di non affrettare il rientro del brasiliano. Già in passato forzare la mano sui rientri non ha giovato, come mostrato dalla ricaduta subita da Joe Gomez l’anno scorso. O come accaduto tante volte a Sturridge, vittima di ripetute ricadute nei suoi innumerevoli infortuni muscolari che hanno limitato la parte migliore della sua carriera. Ecco perché il portierone di Novo Hamburgo potrebbe rientrare, verosimilmente, dopo la prossima pausa per le nazionali. In quel caso la prima partita disponibile sarà il derby contro il Manchester United a Old Trafford.

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".