Alla scoperta di Javier Tebas, il possibile nuovo CEO della Premier League

0
237
IV CONGRESO IBEROAMERICANO DE ECONOMIA EN EL DEPORTE JAVIER TEBAS Y JAVIER Y JAVIER GOMEZ

In giornata è emersa dalla fonte del Times che il nuovo CEO della Premier League potrebbe essere Javier Tebas, attuale presidente della Liga, che Urbano Cairo, presidente del Torino, avrebbe voluto alla guida della Serie A. Andiamo alla scoperta di questo personaggio alquanto discusso dal curriculum di altissimo livello.

Javier Tebas è un avvocato di 56 anni, entrato nel mondo del calcio nel 1993 con il ruolo di presidente dell’Huesca. Nel 2001 l’avvocato, con una grande passione per il calcio, è diventato vicepresidente della Liga per poi diventarne presidente del 2013. Uno dei meriti del costaricano è sicuramente quello di aver rilanciato il calcio spagnolo, dal punto di vista dello sviluppo del marchio e l’incremento degli introiti dei diritti televisivi: la Liga è seconda solo alla Premier League, che appare al momento irraggiungibile. Il contributo di Tebas è stato profuso anche nella riduzione dell’indebitamento dei club spagnoli.

E’ cosa nota che il costaricano, che Cairo avrebbe voluto come presidente della Lega di Serie A, abbia un rapporto molto ostile con la UEFA e la FIFA. Inoltre in estate Tebas è stato anche indagato dal fisco spagnolo per una presunta evasione di 5 milioni di euro per una società, Audiovisual New Aged, della quale era amministratore unico.

Ora quello di Javier Tebas è, secondo il Times, uno dei nomi papabili per essere il prossimo CEO della Premier League, dopo l’addio di Richard Scudamore. Il problema è proprio quello dello stipendio, con i club inglesi intenzionati a ridurre le spese da questo punto di vista; per questo motivo sono stati svariati i rifiuti da parte di personaggi importanti come Tim Davie, capo esecutivo della BBC.

 

 

 

Gaetano Romano

20 anni, sono nato e vivo a Napoli. Studente di Lettere Moderne, divido la mia vita tra lo studio e la passione per la Premier e il giornalismo sportivo. Il Newcastle occupa completamente il mio cuore sperando di rivedere i Magpies degli anni d'oro.