ARSENAL 2-1 CARDIFF, pagelle e tabellino: Arsenal batte Cardiff seppur con patema finale

Si ricorda Emiliano Sala all'Emirates Stadium. Arsenal e Cardiff comunque si danno battaglia, e alla fine prevalgono i Gunners di misura: 2-1 il finale!

0
375
pagelle

Una partita dal contorno molto toccante va in scena all’Emirates Stadium. Si ricorda infatti Emiliano Sala, neo-acquisto degli ospiti disperso dopo l’incidente aereo della scorsa settimana. Una vola entrati in campo però, i padroni di casa vincono 2-1. L’Arsenal sale al quinto posto, momentaneamente a pari punti con il Chelsea, dopo una partita contro il Cardiff in cui la vittoria è arrivata con il minimo sforzo. I gallesi provano con tutte le loro forze, ma devono accontentarsi di una sconfitta di misura. Adesso sono a -3 dalla zona salvezza e con una partita in più rispetto al Southampton.

https://twitter.com/Arsenal/status/1090323712216350725

TABELLINO ARSENAL 2-1 CARDIFF

Gol: 66′ Aubameyang rig (ARS), 83′ Lacazette (ARS); 90+3′ Mendez-Laing (CAR).

Ammoniti: 29′ Monreal (ARS), 45+2′ Guendouzi (ARS), 81′ Lacazette (ARS); 36′ Paterson (CAR), 63′ Arter (CAR), 90′ Ralls (CAR).

Espulsi: 

Arbitro: M. Dean.

Stadio: Emirates Stadium, Londra.

CRONACA

La partita comincia con i capitani di serata che depongono due mazzi di fiori al centro del campo per ricordare Emiliano Sala, lo sfortunato calciatore argentino appena trasferitosi in Galles e disperso a seguito di un incidente aereo all’inizio della scorsa settimana. Dopo un minuto di silenzio, comincia la partita. Lacazette ha subito un’occasione con Etheridge battuto, poi è Reid a rispondere poco dopo il 10′ con una conclusione appena alla sinistra di Leno. Nella parte restante del primo tempo entrambe le squadre creano diverse occasioni potenziali, ma non riescono a tirare in maniera degna di nota verso la porta avversaria. Si chiude così il primo tempo per 0-0, ci si poteva attendere di più.

Nella ripresa si inizia più o meno con lo stesso copione, e addirittura il Cardiff sembra rendersi più pericoloso, soprattutto grazie ai cross dalle fasce. A metà tempo poi Paterson si fa prendere in mezzo da Kolasinac che penetra in area. Ecuele Manga, forse un po’ troppo soft nell’occasione, lo va a stendere e Mike Dean non può far altro che assegnare il rigore. Dal dischetto Aubameyang realizza serenamente spiazzando il portiere. Dopo un quarto d’ora Laca vince un contrasto sulla linea del fallo laterale sulla trequarti, si infila palla al piede nel cuore della difesa e da posizione defilata scarica un potente destro ad incrociare. Il pallone è troppo forte per Etheridge che può solo deviarlo ma senza modificarne il destino: è 2-0 Gunners! Nel recupero poi, su invito di ZohoreMendez-Laing spara il pallone all’angolino sinistro. Non basta però: l’Arsenal vince 2-1 una partita complicata, non bellissima, ma sicuramente importante!

FORMAZIONI E PAGELLE

Arsenal (4-3-1-2): Leno 6; Lichtsteiner 5 (dal 60′ Jenkinson 6), Mustafi 5,5, Monreal 6, Kolasinac 7; Torreira 6,5, Elneny 6 (dal 46′ Iwobi 6), Guendouzi 5,5; Ozil [C] 6 (dal 76′ Ramsey SV); Lacazette 7, Aubameyang 6. All: U. Emery 5,5.

Sostituti non usati: Cech, Mavropanos, Nketiah, Xhaka.

Il migliore – Alexandre Lacazette. Si tratta del giocatore più attivo, stasera come in tutto il resto dell’anno per l’Arsenal. Sul lato del centro-destra d’attacco è una vera spina nel fianco per la difesa, tutti i palloni in attacco in qualche modo lo raggiungono. Il gol è da gran giocatore: dopo essersi rialzato a seguito di un contrasto, porta palla di gran carriera e si infila in area cogliendo di sorpresa la difesa. Il destro con cui scarica in porta la sua voglia è la naturale conseguenza.

Il peggiore – Lichtsteiner. Non si vede moltissimo, è sicuramente il giocatore più colto in difficoltà in difesa, visto che tantissimi cross degli uomini in blu arrivano da quel lato. Non è molto attivo nemmeno in attacco. Insomma, Bellerin avrà di che lamentarsi di non poter difendere il suo posto da terzino durante l’infortunio, perché se fosse disponibile l’impresa non sarebbe impossibile.

Cardiff (4-1-4-1): Etheridge 6; Peltier 6, Ecuele-Manga 5,5, Bamba [C] 6, Bennett 6,5; Gunnarson 5,5; Paterson 5, Arter 6 (dal 81′ Harris SV), Ralls 6, Reid 6,5 (dal 70′ Mendez-Laing 6,5); Niasse 5,5 (dal 73′ Zohore 6). All: N. Warnock 7.

Sostituti non usati: Cunnigham, Healey, Hoilett, Smithies.

#CityAsOne

Geplaatst door Cardiff City Football Club op Dinsdag 29 januari 2019

Il migliore – Neil Warnock. Diciamo l’allenatore per menzionare tutta la prestazione della squadra. La settimana più difficile è questa: la tragedia che ha colpito Emiliano Sala ha scosso tutta la comunità: città, tifosi, calciatori, allenatore. Addirittura lo stesso coach ha ammesso di aver meditato il ritiro dato lo stato d’animo immediatamente successivo l’avvenimento. In compenso, i suoi entrano in campo super-combattivi e si battono per davvero in una partita che, senza particolari dubbi, avrebbe giocato anche Emiliano.

Il peggiore – Di conseguenza, è difficile in un momento del genere selezionare un peggiore. Se a parlare fosse esclusivamente la soggettività del campo, e non anche quella delle emozioni, probabilmente diremmo Paterson. Lo scozzese si fa letteralmente cogliere di sorpresa dall’inserimento di Kolasinac per il rigore dei padroni di casa, per il resto non è tra quelli più ispirati in attacco. Si sta dimostrando un giocatore importante quest’anno, stasera non lo dimostra. Ampiamente giustificabile però.

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".