BOURNEMOUTH 1-3 BURNLEY, pagelle e tabellino. Ottimo Burnley un passo più vicino alla salvezza

Il Bournemouth cade in casa contro un agguerrito Burnley, i Clarets sono adesso più vicini alla salvezza. Ottima prova dell'attacco, malissimo le Cherries

0
170

La partita di Dean Court, ormai noto come Vitality Stadium per ragioni di sponsorizzazione, si presenta come un crocevia per entrambe le squadre. Il Bournemouth ha praticamente raggiunto l’obiettivo salvezza. Il Burnley invece, atteso da un calendario terrificante nelle ultime quattro, deve cercare di racimolare quanti più punti possibili nelle prossime due.

La partita si mette subito bene per i padroni di casa guidati da Eddie Howe. Le Cherries passano in vantaggio con un autogol di Ashley Barnes, il quale mette la palla nella propria porta. I Clarets vanno ancora più in difficoltà nel primo quarto d’ora, ma tra il 15′ e il 20′ ribaltano tutto il discorso. Prima Wood mette in porta su calcio d’angolo sfruttando una brutta indecisione di Begovic, poi Westwood fa in modo che gli ospiti passino a condurre su un Bournemouth assolutamente frastornato. Si va a riposo 1-2, ma da lì per le Cherries non ci sarà più via d’uscita.

Nella seconda frazione infatti neanche i tre cambi aiutano Howe e i suoi ragazzi a risalire la china. Anzi, il passivo si fa ancora più pesante. Taylor tiene splendidamente palla sulla sinistra e crossa. La deviazione inganna Begovic che fa un pasticcio, così Wood può metterla dietro per Barnes che insacca con decisione davanti all’impotente difesa in rossonero. Da lì in poi è classic Burnley: palla lunga, contrasti vigorosi e decisi rinvii dalla difesa. Non vengono però corsi particolari pericoli, così Dyche può godersi una meritata vittoria. Ora il Bournemouth rimane a 38 punti, Burnley a 36, +8 sul Cardiff terzultimo.

TABELLINO BOURNEMOUTH 1-3 BURNLEY

Gol: 4′ autogol Barnes (BOU); 18′ Wood (BUR), 20′ Westwood (BUR), 56′ Barnes (BUR).

Ammoniti: 29′ Clyne (BOU), 90+5′ Smith (BOU); 32′ Hendrick (BUR), 35′ Barnes (BUR), 78′ Mee (BUR).

Espulsi: 

Arbitro: M. Atkinson.

Stadio: Dean Court, Bournemouth.

FORMAZIONI E PAGELLE

Bournemouth (4-4-2): Begovic 4,5; Clyne 5,5 (dal 46′ Rico 5), Mepham 5, Aké 5,5, Smith 5,5; Brooks 6, Gosling 5 (dal 59′ Solanke 5,5), Lerma 5 (dal 71′ Stanislas 6), Fraser 6; King 5, Wilson 5. All: E. Howe 5.

Sostituti non usati: Boruc, Ibe, Mousset, Simpson.

Il migliore – Fraser. Lo scozzese ci prova come può, data la forma pessima della propria squadra oggi. Sulla sinistra è sempre un pericolo per la difesa avversaria, ma con il tempo Lowton gli prende le misure e lo limita un po’. L’ultimo ad arrendersi, ma non basta.

Il peggiore – Begovic. Partita pessima per il portiere bosniaco, sin dall’inizio. Sul primo gol avversario tenta una timida uscita, sbaglia il tempo di intervento e si butta goffamente all’indietro nella speranza di prendere il pallone. Tentativo fallito. Nel secondo tempo sul terzo gol non trattiene un cross deviato, permettendo a Wood di assistere Barnes che chiude la partita. Partita da dimenticare.

Burnley (4-4-2): Heaton 6; Lowton 6, Tarkowski 6,5, Mee 6,5, Taylor 6,5; Hendrick 6 (dal 82′ Gudmundsson SV), Westwood 6,5, Cork 6,5, McNeil 7; Wood 7, Barnes 7. All: S. Dyche 6,5.

Sostituti non usati: Brady, Gibson, Hart, Long, Vydra, Ward.

Il migliore – Barnes. L’attaccante, per l’occasione in divisa bianca, comincia la partita nel peggiore dei modi con un autogol. Non si dà però per vinto, com’è sua abitudine, e il prosieguo della partita è a suo favore. Dialoga bene con Barnes, tiene palla, va in profondità. Corona poi la sua partita con un gol non difficile, ma assolutamente meritato. La salvezza passa soprattutto da lui.

Il peggiore – nessuno. Come si può definire qualcuno il peggiore dopo un’ottima prestazione di questo tipo? Gli uomini di Dyche si comportano tutti bene. Anche il centrocampo, inizialmente in forte difficoltà, si riscatta bene surclassando quello avversario in intensità e capacità di coprire i giusti spazi.

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".