CHELSEA-ARSENAL 3-2: cronaca e tabellino del match

0
770
tabellino

La cronaca ed il tabellino del match tra Chelsea ed Arsenal.

PRIMO TEMPO: Un primo tempo entusiasmante con le due squadre, che si affrontano a viso aperto e senza esclusione di colpi. La prima metà del primo tempo è tutto in favore dei Blues di Sarri, che riescono a portarsi sul 2-0 con le reti di Pedro e di Morata. L’Arsenal sembra in difficoltà e sciupa un paio di occasioni clamorose con Aubameyang e Mkhitaryan, che a porta vuota sparano alto. E’ proprio l’armeno però a riportare i suoi in partita con un piazzato preciso dal limite dell’area. Il Chelsea perde le proprie sicurezze e dietro inizia a ballare tremendamente, il pari arriva dopo soli quattro minuti con Iwobi. Nel finale l’Arsenal sfiora anche il 2-3, ma Aubameyang è nuovamente troppo impreciso. Finisce in parità un primo tempo bellissimo e non vediamo l’ora inizi il secondo.

SECONDO TEMPO: Nell’intervallo Sarri si fa sentire negli spogliatoi, strigliando i suoi per la fase difensiva imbarazzante messa in campo nel primo tempo. Al sessantesimo c’è la svolta del match, in campo entra Hazard, che come al solito sposta gli equilibri. Il belga mette in difficoltà la difesa ed il centrocampo dell’Arsenal e a nove dalla fine riesce a servire a Marcos Alonso il pallone buono per mettere a segno il definitivo 3-2. Seconda vittoria per Sarri, che sembra aver già preso le misure al campionato inglese, per Emery una sconfitta amara soprattutto perchè i Gunners hanno espresso un ottimo gioco.

FORMAZIONI UFFICIALI CHELSEA-ARSENAL

Chelsea: Kepa, Azpilicueta, Rudiger, Luiz, Alonso, Jorginho, Kante, Barkley(60’Kovacic), PEdro, Morata(75’Giroud), Willian(61’Hazard)

Arsenal: Cech; Monreal, Sokratis, Mustafi, Bellerin, Xhaka(46’Torreira), Guendouzi, Mkhitaryan, Ozil(67’Ramsey), AUbameyang, Iwobi(75’Lacazette)

TABELLINO CHELSEA-ARSENAL 3-2

AMMONITI: 27’Xhaka(A), 77’Mustafi(A)

ESPULSI:

MARCATORI: 9’Pedro(C), 20’Morata(C), 37′ Mkhitaryan (A), 41’Iwobi(A), 79’Alonso (C)

Andrea Pierantozzi

27 anni,laureato in Economia e laureando in Management dello Sport e delle Attività motorie. Credo in poche cose, Totti, Henry e Ronaldinho sono tra queste. Faccio parte di quelli che "Noi non supereremo mai questa fase"