Da Rotterdam a Wembley: 90 minuti per tornare in Premier League.

0
182

Nel 1982 l’Italia vinceva il mondiale di Spagna e il campionato inglese veniva vinto da un Liverpool trascinato dai gol di Kevin Keegan. Il 26 Maggio 1982 però viene ricordato da tutti i tifosi dei Villans, e non solo, per una avvenimento storico infatti quel giorno l’Aston Villa vinse la Coppa dei Campioni contro il Bayern Monaco, squadra favorita alla viglia del match, nella magica serata di Rotterdam. Questa sfida mette a confronto due squadre con una storia completamente diversa: i bavaresi sono sempre stati protagonisti nelle competizioni europee (non avendo mai perso una finale prima del 1982) mentre i Villans giocarono la loro prima finale europea, proprio in occasione del match disputato in Olanda. Le immagini del gol di Withe, che con un colpo di stinco insacca il pallone alle spalle di Müller, sono impresse nella memoria di tutti i tifosi della squadra di Birmingham. Gli eroi di Rotterdam sono entrati nella memoria di tutti per aver fatto la storia non solo di questo club, ma anche del intero movimento calcistico inglese.

37 anni dopo, del team che ha vinto la Coppa dei Campioni non è rimasto molto se non la memoria di un trionfo europeo e l’animo guerriero di una squadra dal forte spirito proletario. Gli ultimi anni dell’Aston Villa sono stati molto difficili con i tifosi costretti a vedere i loro beniamini giocare nel campionato cadetto durante le ultime tre stagioni. La voglia di Premier League però è sempre molto forte all’ombra di Villa Park che, in molte occasioni, si trasforma nel dodicesimo uomo in campo supportando i giocatori di casa nei loro momenti di difficoltà.

 

I Villans, a quasi 40 anni dal trionfo europeo, avranno occasione di riscattare parzialmente gli ultimi anni  deludenti nella finale playoff di Championship in cui dovranno affrontare un’altra nobile decaduta del calcio inglese, il Derby County. A differenza della finale di Rotterdam, questa volta i ragazzi in claret and blue partono favoriti. Il percorso per arrivare a Wembley non è stato facile con i ragazzi di Dean Smith che sono riusciti a prevalere sui rivali del West Brom soltanto grazie alla lotteria dei rigori. Dopo la sconfitta contro il Fulham dell’anno scorso, l’obiettivo di tutto l’ambiente sarà solo una: vincere.
In questi 37 anni l’Aston Villa non è mai riuscita a ripetere quel trionfo europeo mancando quasi sempre la partecipazione alle competizioni europee, ciò nonostante i tifosi sono sicuri che i ragazzi di Dean Smith che scenderanno in claret and blue nella sfida di lunedì cercheranno di giocare con una grinta tale da farci ricordare, anche se per poco, gli eroi di Rotterdam.