EDITORIALE – 16° Giornata Premier League: le mani del City sul titolo

0
14
Editoriale Premier League

Cari lettori di PassionePremier.com ecco il nostro Editoriale, pronto a raccontarvi tutto quello che è successo in questo sedicesimo turno di Premier !

 

Editoriale Premier League

LONDON DERBY AGLI HAMMERS – Il primo de tre grandi derby in programma questa settimana  termina con la sorprendente vittoria  del West Ham sul Chelsea. Agli Hammers basta una rete di Arnautovic al sesto minuto di gioco per regalarsi una vittoria importante sia dal punto di vista della classifica, che del morale. Moyes riesce così a conquistare i primi tre punti sulla panchina del West Ham. Per il CHelsea di Conte un risultato deludente, visto il turno favorevole, che metteva di fronte i due Manchester. I Blues riescono comunque a mantenere il terzo posto, che ormai è l’obiettivo principale, visto che la vetta dista 14 punti.

TOTTENHAM A VALANGA – Gli Spurs tornano al successo e lo fanno in grane stile, rifilando una sonora cinquina allo Stoke City. Mattatore della giornata è Harry Kane, autore di una doppietta, mentre le altre reti sono di Son, Eriksen ed un autogol di Shawcross, rifattosi nel finale con il gol della bandiera. Il successo consente agli Spurs di riavvicinare la zona Champions, lontana ora solo due punti.

VINCE IL BURNLEY – Agganciato agli Spurs rimane il Burnley di Dyche, sempre più vera e propria rivelazione dell’anno. Un gol di Arfield allo scadere del primo tempo regala il successo contro un Watford in inferiorità numerica per l’espulsione di Zeegelaar. Gli Hornets nelle ultime tre partite hanno raccolto un solo punto, perdendo contatto con il treno per l’Europa, al quale invece rimane aggrappato il Burnley, che non vuole smettere di sognare.

REACTION | Thoughts from the Gaffer following another ‘fantastic’ 3 points. Watch: https://t.co/f8ARI9owgp pic.twitter.com/wEouJkYSth

— Burnley FC (@BurnleyOfficial) 9 dicembre 2017

GLI ALTRI MATCH DELLE SEDICI – Il Sabato pomeriggio è ricco di scontri salvezza molto importanti, come Crystal Palace-Bournemouth, finita con uno spettacolare 2-2, con i gol messi a segno tutti nella prima frazione. Defoe porta in vantaggio gli ospiti al decimo, ma il Palace la ribalta in tre minuti tra il 41esimo ed il 44esimo con i gol di Milivojevic e Dann, ma all’ultimo secondo del primo tempo arriva la doppietta di Defoe, che fissa il punteggio sul definitivo 2-2. L’Huddersfield riesce a interrompere il periodo nero fatto di sole sconfitte e riesce ad imporsi in casa contro un’altra neopromossa come il Brighton. Il match è deciso dalla doppietta di Mounie;  entrambe le squadre per ora mantengono un vantaggio di sicurezza sulla zona salvezza, ma non possono permettersi troppi errori. Quello tra Swansea e WBA è invece un vero e proprio scontro diretto e ad avere la meglio sono gli Swans con un gol di Bony. La squadra di Clement abbandona così l’ultimo posto, mentre i Baggies si sono fatti raggiungere al terzultimo posto dal West Ham.

LEICESTER CORSARO – L’arrivo di Puel sulla panchina delle Foxes sta regalando forse più soddisfazioni di quello che ci si poteva aspettare. Terzo successo consecutivo, questa volta in trasferta sul difficile campo del Newcastle di Rafa Benitez. Joselu porta avanti i Magpies dopo appena quattro minuti di gioco, ma Mahrez riporta il punteggio in parità. Nella ripresa Gray porta avanti le Foxes, che però si fanno raggiungere da Gayle, all’86esimo un’autorete di Perez regala il successo agli uomini di Puel, che salgono a quota 23 in classifica, tirandosi fuori in maniera definitiva dalla lotta per non retrocedere. Per i Magpies invece la situazione si è complicata tremendamente, un solo punto nelle ultime cinque e il vantaggio sul terzultimo posto è di sole due lunghezze ora.

PARI TRA SAINTS E GUNNERS – La Domenica si apre con un pareggio tra il Southampton e l’Arsenal, a decidere il match le reti dei due bomber Austin e Giroud. Pellegrino nelle ultime uscite ha dimostrato di essere riuscito a migliorare il gioco dei suoi, mettendo in cascina qualche punto e qualche prestazione importante per i Saints. L’Arsenal per l’ennesima occasione di recuperare terreno sulle dirette rivali e per ora rimane relegato al quinto posto, nuovamente fuori dalla Champions League.

DERBY DI LIVERPOOL – Altra sorpresa di giornata è il pareggio che l’Everton riesce a strappare sul campo degli odiati rivali del Liverpool. I Reds dominano il match per quasi tutto il tempo, ma peccato di freddezza e precisione sotto porta, tanto che la rete messa a segno da Salah è frutto di uno spunto personale. Mane non è in giornata e sciupa diverse occasioni, una delle quali clamorosa non servendo un compagno completamente libero ed a porta vuota. Il pareggio dei Toffees arriva su un calcio di rigore molto discusso, procurato da Calvert-Lewin e realizzato da Wayne Rooney. Secondo risultato utile consecutivo per Allardyce e distanza dal terzultimo posto aumentata a sei punti, il Liverpool mantiene invece la quarta piazza, ma è tanta la delusione in casa Reds per essersi fatti sfuggire una vittoria come questa.

DERBY DI MANCHESTER – Era il match più atteso della giornata e lo scontro al vertice tra i due Manchester non ha deluso le aspettative. Un match spettacolare, giocato soprattutto dai Citizens di Guardiola, che ha visto le due squadre mettere in campo le loro armi migliori. Dopo un dominio totale, il City riesce a sbloccare la gara a due minuti dall’intervallo con Silva, ma si lascia raggiungere da Rashford ancor prima di andare al riposo. Il gol partita lo mette a segno Otamendi nella ripresa, ma Lukaku sciupa un’occasione colossale nel finale, facendosi bloccare un tiro a botta sicura da Ederson. Non sono mancate le polemiche per un rigore non dato ai Red Devils per un intervento su Herrera, che l’arbitro ha ammonito per simulazione. Al termine del match rissa negli spogliatoi con i steward costretti ad intervenire per placare gli animi. Quattordicesima vittoria consecutiva in campionato per il City, 11 punti di vantaggio sulla seconda e la sensazione è che la Premier League sia già stata assegnata.

Andrea Pierantozzi

24 anni,laureato in Economia.Il mio credo calcistico si basa sulla trinità Totti,Henry,Ronaldinho.Faccio parte di quelli che " noi non supereremo mai questa fase."