L’Europa è quasi sfumata, i Toffees cercano motivazioni

Rimangono due partite alla fine del campionato e la sensazione è che i Toffees si siano rassegnati alla non qualificazione europea. News sul fronte mercato

0
183

Non sarà psicologicamente semplicissimo gestire queste ultime due partite di campionato per l’Everton. I Toffees hanno disputato un campionato altalenante, culminato in alcuni risultati molto positivi e altri da dimenticare. Non sono state poche le giornate in cui i tifosi sono rimasti delusi dall’atteggiamento della squadra.

Le motivazioni per le ultime due giornate bisogna trovarle, poiché le partite sono comunque da giocare. Certo, il settimo posto è quasi totalmente sfumato ormai. I Wolves sono quattro punti davanti con due partite rimaste, sebbene debbano ancora giocare ad Anfield. Difficile però ipotizzare una vittoria degli uomini in blu nel nuovo stadio del Tottenham, dove Marco Silva e i suoi uomini concluderanno il campionato. Sarà l’ultima partita prima di una estate piena di riflessioni e decisioni sul mercato.

A cominciare proprio dall’allenatore. Se da un lato infatti Marco Silva ha portato un buon gioco palla a terra e la valorizzazione di alcuni talenti, dall’altro emergono difficoltà mentali che la squadra ha a gestire determinati momenti. Non è un caso che con le grandi si siano ottenuti complessivamente buoni risultati (ultimo il 4-0 allo United). Con le piccole invece diversi incidenti di percorso, alcuni molto rocamboleschi (vedi la sconfitta a St James’s Park). L’impressione è che in certi momenti sia proprio l’allenatore a perdere il controllo della propria squadra senza riuscire a farle risalire la china.

Tutto questo nonostante le buone stagioni di Andre GomesGueyeDigne, RicharlisonBernard. Ques’ultimo in particolare costituiva un punto interrogativo alla vigilia della stagione, ma complessivamente ha cacciato via le critiche con una serie di buone prestazioni.

https://twitter.com/Everton/status/1122923643527471105

News importante, questa settimana ha rinnovato Tom Davies. Il giovane inglese, già in squadra da anni, potrebbe trovare ancora più spazio l’anno prossimo qualora Gueye partisse. Il senegalese è oggetto di desiderio di tanti club inglesi ed europei (vedi PSG). Lascerà Goodison Park?

Sul fronte dei ‘cattivi’ invece qualche dubbio in più sovviene. Theo Walcott innanzitutto; l’inglese è stato protagonista di una stagione del tutto anonima. Così come i centrali: se Keane ha sfornato qualche buona prestazione, Mina Zouma non sono stati sempre affidabili. Gli infortuni certamente non hanno aiutato i Toffees. Sul mercato in ogni caso si potrà intervenire, a cominciare da Bensebaini, roccioso difensore del Rennes che l’anno prossimo sarà libero di unirsi al club di Goodison Park. Può giocare sia da centrale che da terzino sinistro, ha un solo anno di contratto e non rinnoverà. L’offerta dovrebbe mantenersi sui £13,5 mln. A fargli posto in rosa dovrebbero essere capitan Jagielka Baines, due leggende del club giunte a fine carriera.

Ultima news riguarda l’estate. Il sito ufficiale dei Toffees ha confermato che la preparazione estiva verrà svolta in Kenya. Tutto ciò dopo che due anni fa l’Everton aveva passato del tempo in Tanzania. In una terra, quella africana, in cui il calcio inglese è fortemente amato.

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".