EVERTON 1-3 WOLVERHAMPTON, pagelle e tabellino: Wolves d’autorità al settimo posto. Everton a picco

Il Wolverhampton si scrolla di dosso l'Everton con una gran bella partita fatta di gestione in difesa e ripartenze. Jota e Moutinho super, Everton malissimo

0
259

Goodison Park una partita che può valere una stagione: Wolves ed Everton si giocano molte speranze di poter partecipare alla prossima edizione dell’Europa League. Le squadre sono distanziate da soli due punti in classifica, che diventano cinque dopo la grande prestazione degli ospiti. I Wolves giocano infatti a calcio e la portano a casa, Toffees più che in confusione soprattutto mentalmente. Ecco qui il recap con tabellino e pagelle!

TABELLINO EVERTON 1-3 WOLVERHAMPTON

Gol: 7′ Neves rig (WOL), 45′ Jimenez (WOL), 66′ Dendoncker (WOL); 27′ Andre Gomes (EVE).

Ammoniti: 16′ Zouma (EVE), 44′ Keane (EVE), 76′ Davies (EVE); 56′ Coady (WOL).

Espulsi:

Arbitro: L. Mason.

Stadio: Goodison Park, Liverpool.

CRONACA

Marco Silva deve rinunciare a MinaDigneGueye, portando invece McCarthy in panchina e Tosun e Baines in campo. Nuno Espirito Santo va con la classica formazione che tanto bene ha fatto quest’anno. La partita comincia subito col botto, dato che al 7′ Baines commette fallo da rigore. Dal dischetto Ruben Neves porta in vantaggio i suoi. La partita rimane comunque aperta ed entrambe le squadre hanno l’occasione di segnare, e così a metà tempo i Toffees pareggiano. Bel movimento di Tosun, palla ad Andre Gomes che spacca la difesa e dal limite spara una sassata all’incrocio! Il nazionale portoghese batte il nazionale portoghese, pareggiando il vantaggio del nazionale portoghese. Da lì il ritmo si abbassa, ma proprio allo scadere Moutinho calcia una punizione in mezzo dove Jimenez, lasciato incredibilmente solo, mette alle spalle di un incolpevole Pickford. Si chiude così il primo tempo.

Dopo l’intervallo esce subito Neves per infortunio, poi le squadre si allungano per provare a segnare. Al 66′ Jota scappa sulla fascia e rientra sul destro. Il suo tiro viene deviato e si impenna, arriva Dendoncker e spara una cannonata sotto la traversa. 1-3 e tifosi ospiti in delirio! Dopo il gol non c’è molto altro da dire: un gatto nero invade il campo negli ultimi venti minuti, portando ad un corposo recupero a fine partita. L’Everton ci prova solo con un colpo di testa del neo-entrato Calvert-Lewin ma Rui Patricio blocca sicuro. Finisce così, i Wolves tengono saldo il loro settimo posto. I Toffees invece si fanno superare anche dal Watford, che ha pareggiato a Brighton. Ora sono noni in classifica, in posizione più che anonima.

FT | Everton Football Club 1-3 WolvesThree goals! Three points! Wolves with a fantastic win on the road. Ruben Neves…

Geplaatst door Wolverhampton Wanderers FC op Zaterdag 2 februari 2019

FORMAZIONI E PAGELLE

Everton (4-2-3-1): Pickford 6; Coleman 5 (dal 73′ Calvert-Lewin 6), Zouma 5, Keane 5,5, Baines [C] 5,5 (dal 37′ Kenny 6); Davies 6, Andre Gomes 6,5; Walcott 5 (dal 60′ Lookman 6), Sigurdsson 5,5, Richarlison 5; Tosun 6. All: M. Silva 5.

Sostituti non usati: Bernard, McCarthy, Schneiderlin, Stekelenburg.

Everton molto spento oggi, Marco Silva non riesce minimamente a trasmettere il suo credo ai Toffees. Ciò che emerge soprattutto è la non capacità di organizzazione in difesa. Tutti e quattro i difensori si fanno sempre cogliere impreparati quando si tratta di coprire sugli avversari. Anche in attacco i terzini spingono poco, mentre le ali sono poco incisive. Tosun, nonostante un ottimo movimento in occasione del gol, viene ben controllato. Male male Silva, la sua squadra sembra proprio mancare di voglia.

Il migliore – Andre Gomes. Il portoghese è tra i tre migliori della stagione del suo club, e anche oggi lo dimostra. Riesce a sventare parecchie incursioni degli avversari, smista come al suo solito il pallone, corona la buona prestazione con una sassata sotto l’incrocio. Purtroppo per lui, cala un po’ alla distanza, non aiutato da una squadra apatica.

Il peggiore – Theo Walcott. Non passerà molto prima che Lookman gli soffi il posto da titolare, se queste sono le prestazioni. L’inglese è sempre alla ricerca di uno spunto, ma non riesce ad essere minimamente incisivo. Si fa rubare spesso il pallone, non riesce a gestirlo, si vede pochissimo. I ricordi del miglior Walcott sono estremamente lontani.

Wolverhampton (3-5-2): Rui Patricio 6; Bennett 6,5, Coady [C] 6, Boly 6,5; Doherty 5,5, Dendoncker 6,5, Neves 6 (dal 49′ Saiss 6), Moutinho 7,5, Jonny Castro 6,5; Jimenez 7 (dal 89′ Traore SV), Jota 7,5 (dal 77′ Helder Costa 6). All: N. Espirito Santo 7.

Sostituti non usati: Cavaleiro, Gibbs-White, John, Ruddy.

Espirito Santo mette in campo alla perfezione la sua squadra. Folto centrocampo per imbottigliare Andre Gomes, difesa a tre per puntare ogni giocatore d’attacco avversario. In fase offensiva inoltre partita super. Moutinho è un silente quanto impeccabile direttore d’orchestra, Diogo Jota una perfetta spina nel fianco della difesa, Jimenez un attaccante cinico. Subiscono gol su una giocata individuale superlativa, per il resto comandano più che bene le operazioni e vincono un’ottima partita.

Il migliore – Diogo Jota. Non si contano gli scatti fatti oggi dall’attaccante portoghese. Keane riesce a contenerlo una volta sola a fine primo tempo, per il resto la difesa non lo vede mai. Salta l’uomo in velocità, rientra sul destro, è veloce col pensiero. Il terzo gol è soprattutto suo: corre verso la porta, rientra magistralmente sul destro e scarica il tiro. Solo una deviazione non gli permette di gioire, ma la palla finisce sul sinistro di Dendoncker che insacca.

Il peggiore – Doherty. Non si vede moltissimo, non che abbia particolari problemi dall’altro lato ad occuparsi del terzino avversario. Il terzino irlandese, standout player soprattutto ad inizio anno, è forse quello che si fa vedere meno nel centrocampo tutto faville dei suoi. Espirito Santo comunque non lo toglie, la fiducia nei suoi confronti è dunque massima.

 

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".