In casa Gunners ripartire è d’obbligo, Burnley permettendo

0
207

Gunners devono voltare pagina dopo la brutta sconfitta rimediata nell’ultimo turno in casa del Southampton e dopo l’eliminazione dalla Carabao Cup ad opera del Tottenham. La zona Champions League resta vicinissima e alla portata della squadra di Emery, attualmente al quinto posto a -3 dal quarto posto occupato dal Chelsea. Analizziamo nel dettaglio la situazione dell’Arsenal nel solito appuntamento del Gunners Corner.

ULTIME PARTITE: i Gunners hanno rimediato una sconfitta molto pesante contro il nuovo Southampton di Hasenhüttl; i Saints si sono imposti con il risultato di 3-2 e hanno messo in grandissima difficoltà la compagine londinese, mai in controllo della partita. I problemi si sono visti in tutti reparti: i tre difensori sono stati in grandissima difficoltà per tutta la partita e le cose non sono andate meglio in attacco, dove solo Mkhitaryan ha fornito una prestazione degna di nota. La situazione non è migliorata nemmeno con i quarti di finale di Carabao Cup, nei quali l’Arsenal si è arresa a un Tottenham nettamente superiore nel complesso. Anche la buona sorte non è stata alleata della squadra di Emery, che in due occasioni, prima con Lacazette e poi con Ramsey, ha colpito i legni della porta.

PROSSIMA PARTITA: all’Emirates arriva il Burnley di Sean Dyche, diciottesimo con 12 punti e alla ricerca disperata di punti. Impegno da non sottovalutare per la squadra di Emery quello contro i Clarets, avversari storicamente molto ostici dal punto di vista fisico e dell’intensità. Il match è in programma domani con il calcio d’inizio fissato alle 13:30.

INFORTUNI: non saranno della partita, probabilmente, Hector Bellerin Mustafi, mentre sono invece da valutare le condizioni di Mkhitaryan Kolasinac, che dovrebbero essere arruolabili per la sfida contro i Clarets. Ancora fuori i lungodegenti WelbeckHolding Mavropanos.

MERCATO: tiene banco in casa Gunners la questione Ozil; nella giornata di oggi è emersa una clamorosa indiscrezione con il talento tedesco che sarebbe ceduto in prestito e poi svincolato alla scadenza del contratto a luglio. Si parla da tempo dell’Inter, disposta ad accogliere un giocatore dal talento sopraffino ma discontinuo.

 

 

 

 

Gaetano Romano

20 anni, sono nato e vivo a Napoli. Studente di Lettere Moderne, divido la mia vita tra lo studio e la passione per la Premier e il giornalismo sportivo. Il Newcastle occupa completamente il mio cuore sperando di rivedere i Magpies degli anni d'oro.