Le tre cose che abbiamo imparato da Liverpool 3-1 Newcastle

Ad Anfield va in scena la partita tra i Reds e i Magpies. Ecco il commento con le tre cose che abbiamo imparato da Liverpool 3-1 Newcastle!

0
193

Oggi ad Anfield il Liverpool affronta il Newcastle. Una partita sulla carta non semplice, perché il Newcastle ha già vinto quest’anno sul campo di una top six. Klopp cerca di dare un turno di riposo a Firmino in vista della trasferta di Napoli, Bruce va col classico 5-4-1 con Joelinton unica punta. Inizio in salita per i Reds che prendono un gol da un gran tiro di Jetro Willems. Il terzino olandese da dentro l’area si porta il pallone sul destro, suo piede debole, e scarica una bordata all’incrocio. Superato un incolpevole Adrian.

https://twitter.com/NUFC/status/1172838453219876864

I Magpies giocano bene nello stretto e il Liverpool non riesce a carburare. Che fosse una partita difficile per i Reds lo si sapeva, con lo svantaggio ancora di più. Poi verso la mezz’ora Robertson gioca un bel pallone per Mane, il senegalese apre l’interno e all’incrocio batte Dubravka. 1-1 e Anfield alza il volume. Subito dopo Origi esce per infortunio, entra Firmino che in un minuto mette in porta Mane. Il numero 10 trova Dubravka sulla sua strada che però perde il pallone dalle mani, dando la possibilità al capitano del Senegal di firmare la propria doppietta personale.

Nel secondo tempo il Newcastle crea pericoli solamente nella parte iniziale. Krafth si divora una buona occasione sparando in orbita nella Kop da breve distanza. Poi ancora Firmino, che illumina d’immenso qualsiasi giocata offensiva della sua squadra. Prima uno scavetto per Robertson, poi un triangolo con la suola sempre con lo scozzese. Poi decide di mettere in porta Salah, con un tacco meraviglioso al limite dell’area. Salah controlla, pensa, e poi incrocia alle spalle di un incolpevole Dubravka. 3-1 e partita virtualmente chiusa.

Dopo 3 minuti di recupero fischia Marriner, che tutto sommato ha arbitrato una partita non difficile. Nessun ammonito, ma pesa sull’arbitro un rigore solare non fischiato ai padroni di casa. Testa alta per i Magpies, che hanno mostrato di non andare mai eccessivamente sotto contro una grande e, se allenati bene, condurranno un campionato tranquillo. A punteggio pieno i Reds, in attesa del City impegnato a Norwich.

GET IN, REDS! 👊🔴

Geplaatst door Liverpool FC op Zaterdag 14 september 2019

Formazioni e tabellino

Liverpool (4-3-3): Adrian; T Alexander-Arnold, J Matip, V van Dijk [C], A Robertson; A Oxlade-Chamberlain (dal 75′ J Milner), Fabinho, G Wijnaldum (dal 84′ X Shaqiri); S Mane, M Salah, D Origi (dal 37′ R Firmino). All: J Klopp.

Sostituti non usati: J Gomez, J Henderson, C Kelleher, A Lallana.

Newcastle (5-4-1): M Dubravka; E Krafth (dal 67′ J Manquillo), F Schar (dal 80′ F Fernandez), J Lascelles, P Dummett, J Willems; C Atsu, I Hayden, J Shelvey, M Almiron (dal 67′ Y Muto); Joelinton. All: S Bruce.

Sostituti non usati: C Clark, K Darlow, Ki Sung-Yeung, M Longstaff.

Marcatori: 7′ Willems (NEW); 28′, 40′ Mane (LIV), 72′ Salah (LIV).

Il migliore: Roberto Firmino.

Il peggiore: Emil Krafth.

Le tre cose che abbiamo imparato da Liverpool 3-1 Newcastle

  • Se allenato bene il Newcastle può dire la sua in Premier League. Per le posizioni europee è ancora presto, ma sicuramente si tratta di una squadra che sa giocare a calcio. Almiron è un gran talento, la difesa è competente.
  • Un Liverpool a marce basse ne fa comunque tre. Ci hanno messo un po’ a carburare i Reds ma alla fine hanno trovato la via del gol. La testa è alla Champions, ma l’avversario si deve rispettare. In molti giocano una partita ordinaria.
  • Al Newcastle manca l’attaccante. Scontato da dire dopo due partenze come quelle di Perez e Rondon, ma ai Magpies Joelinton non basta. Il brasiliano è molto bravo, ma leggero per stare da solo in un attacco.

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".