MANCHESTER CITY 6-0 CHELSEA, pagelle e tabellino: Blues scherzati dai Citizens

0
283

Avevamo parlato ieri di un Liverpool di nuovo in corsa con le gambe e con la testa, City permettendo. Ecco: il Manchester City non permette. Gli uomini di Guardiola spazzano via il Chelsea di Maurizio Sarri con una partita da urlo, tipica del City totalmente schiacciasassi della prima parte di stagione l’anno scorso.

Nessuna possibilità di appello per i Blues, nessuna chance di respirare. Già da subito infatti i Citizens mettono le cose in chiaro: 4 gol in 25 minuti. Deve essersi divertito soprattutto Sterling inizialmente, autore del primo gol e protagonista anche con un’altra maglia di un’impresa simile. Ironia della sorte, era proprio quella rossa del Liverpool e la vittima fu un’altra squadra di Londra: l’Arsenal di Wenger che ad inizio 2014 prese ad Anfield 4 gol in 20 minuti, di cui uno (due alla fine del match) dell’anglo-giamaicano. Torniamo al match: il primo gol è un errore tutto della difesa: palla filtrante per Bernardo Silva, lasciato solo da Barkley e Marcos Alonso, cross basso dietro per Sterling che insacca di forza. Tre minuti dopo Aguero sbaglia un gol clamoroso a porta vuota, ma è solo un avvertimento. Al 13′ il Kun spara una cannonata dai 25 metri nel sette assolutamente imparabile. Viene giù l’Etihad, stracolmo per l’occasione, che tuttavia non ha neanche il tempo di smettere di esultare dato che due minuti dopo il numero 10 in azzurro sfrutta un errore ancora di Barkley (giornata pessima) per infilare Kepa di nuovo sul suo lato sinistro.

Finita la sfuriata? Macché. Al 25′ Gundogan raccoglie un pallone vagante dalla stessa posizione del 2-0 di Aguero per dare al City quattro gol di vantaggio. Questa volta Kepa non perfetto, ma non gli si può dare grande colpa. Si vede intanto il Chelsea, ma Pedro si fa bloccare splendidamente da Ederson. Il portiere brasiliano si supera ancora su una grande tiro al volo di Higuain, mettendo alto sulla traversa. Dopo l’intervallo in ogni caso i padroni di casa ne mettono altri due: ancora Sterling va via alla difesa e si fa atterrare da Azpilicueta. Dal dischetto Sergio Aguero firma la sua seconda tripletta consecutiva in casa. Infine è proprio il numero 7 (dopo una grande parata di Kepa su Gabriel Jesus al 75′) a chiudere i giochi: palla in mezzo di Zinchenko e l’inglese deve solo appoggiare. Finisce così: game, set and match, è il caso di dire, a Guardiola. Prova orrenda degli uomini in blu, i Citizens invece tornano pari con il Liverpool, sebbene con una partita in più.

TABELLINO MAN CITY 6-0 CHELSEA

Gol: 4′, 80′ Sterling (MCI), 13′, 19′, 56′ rig Aguero (MCI), 25′ Gundogan (MCI).

Ammoniti: 60′ Jorginho (CHE), 69′ Marcos Alonso (CHE); 77′ Gundogan (MCI).

Espulsi: 

Arbitro: M. Dean.

Stadio: Etihad Stadium, Manchester.

FORMAZIONI E PAGELLE

Manchester City (4-3-3): Ederson 7; Walker 6,5, Stones 6,5, Laporte 6, Zinchenko 7; Gundogan 7,5, Fernandinho [C] 7 (dal 75′ David Silva 6), De Bruyne 7,5 (dal 68′ Mahrez 6); Bernardo Silva 7,5, Aguero 8,5 (dal 65′ Gabriel Jesus 6,5), Sterling 8. All: J. Guardiola 8.

Sostituti non usati: Danilo, Muric, Otamendi, Sane.

Il migliore – Chiaramente Sergio Aguero. Il Kun è dovunque, fa il solito lavoro di movimento in tutto l’arco d’attacco. Mette a segno un primo gol da fantascienza, un secondo molto cinico, un terzo relativamente semplice. Sbaglia anche un gol clamoroso ad inizio partita, ma gli va dato atto di essere in forma incredibile anche oltre il suo già enorme talento.

Il peggiore – Laporte. Non gioca male, ma è quello che si fa trovare più scoperto in difesa. Higuain lo frega due volte, prima servendo Pedro con il tacco, poi concludendo da fuori al volo. In entrambi i casi Ederson salva l’errore del compagno. Nel resto della partita è però perfetto, da qui la sufficienza.

Chelsea (4-3-3): Kepa 6; Azpilicueta 5 [C], Rudiger 4,5, David Luiz 4,5, Alonso 4 (dal 73′ Emerson 6); Kante 5, Jorginho 4,5, Barkley 4 (dal 52′ Kovacic 5,5); Pedro 5 (dal 65′ Loftus-Cheek 5), Higuain 5,5, Hazard 5. All: M. Sarri 4,5.

Sostituti non usati: Willian, Caballero, Christensen, Giroud.

Il migliore – Kepa. Il portiere basco tiene alto l’onore della propria squadra, per quanto possibile. I gol non sono letteralmente colpa sua, e anzi si esibisce in un’ottima parata su Gabriel Jesus, quando il risultato è però sul 5-0. Ne avrà di argomenti contro i suoi compagni.

Il peggiore – Barkley. Un giocatore del suo calibro non può giocare una partita di questo livello. Impreparato sul primo gol (non fa la diagonale), erroraccio sul quarto. Per il resto della partita non si vede, insomma: not good enough.

 

Daniele Calamia

Daniele, 21 anni. Palermitano, studente di Economia, innamorato della Premier League. Curo i 'corner' delle due di Liverpool.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".