MANCHESTER UNITED 1-1 CHELSEA, pagelle e tabellino. Lo United non si riprende in ottica Champions ma stavolta entra in campo

Manchester United e Chelsea si giocano una grande fetta del loro campionato in questo pomeriggio. La partita finisce in pareggio, facendo più contento Sarri

0
595

Ha lasciato perplesso più di qualche appassionato la prestazione dello United contro il Manchester City di qualche giorno fa. Inadeguati, poveri di contenuti, quasi non fossero scesi in campo. Il City ha oggettivamente passeggiato, quasi come se la partita sulla carta decisiva nella corsa al titolo sia stata in realtà la più facile. La papera di De Gea poi, in un momento nero della sua carriera in rosso, aveva solamente alimentato i dubbi che i giocatori fossero in campo solo fisicamente. Il tutto anche alla luce della sconfitta netta della settimana scorsa a Goodison Park contro l’Everton.

[Qui un’analisi sul momento storico dei Red Devils]

Oggi però subito un’occasione di riscatto contro il Chelsea, altra formazione alle prese con riflessioni e tumulti interni ed egualmente impegnata nella lotta Champions. I Blues si presentano ad Old Trafford forti di tre punti di vantaggio sugli avversari e un quarto posto tenuto stretto anche alla luce del momento nero dell’Arsenal. Prima occasione dopo tre minuti per i padroni di casa, ma Kepa riesce a salvare su Lukaku presentatosi solo davanti al portiere spagnolo. Il belga però avrebbe potuto far meglio nell’occasione. Poi ancora United: Shaw buca la difesa in blu e lascia al centro dell’area un pallone che Mata deve solo spingere in rete a portiere battuto. 1-0 e grande gioia sugli spalti! Lo United al momento non è quarto solo per differenza reti.

https://twitter.com/ManUtd/status/1122527742765957121

Reagisce la squadra di Sarri, anche se la punizione di Marcos Alonso è alta sulla traversa. Lo spagnolo però si rifà a fine primo tempo, quando un missile di Rudiger viene respinto male da De Gea che lascia il pallone lì per il suo connazionale. Il terzino è bravo a far carambolare il pallone sul palo e pareggiare la partita.

Il secondo tempo è tanto lungo quanto brutto. Molte sono le fasi di gioco rotto e nessuna delle due squadra riesce a creare delle occasioni realmente pericolose. Brutte notizie per entrambe le squadre però a metà secondo tempo. Prima Rudiger viene steso ed è costretto al cambio, poi la stessa sorte tocca a Bailly che rimane vittima di uno scontro con Kovacic. L’unica vera occasione capita a Willian a venti dalla fine, ma la sua punizione finisce alta sulla traversa. Finisce 1-1 dopo 8 minuti di recupero, in un pareggio che indubbiamente rende soddisfatto Sarri. Lo United ha mostrato segni di risveglio, ma la spinta di Solskjaer si è chiaramente esaurita da alcune settimane. Coincidenza, proprio quando il norvegese ha visto il proprio ruolo riconfermato per l’anno dopo.

Man Utd 1-1 Chelsea Maurizio Sarri's side stay fourth, three points ahead of United, as Marcos Alonso cancels out Juan Mata's opener

Geplaatst door Premier League op Zondag 28 april 2019

TABELLINO MANCHESTER UNITED 1-1 CHELSEA

Gol: 11′ Mata (MUN); 43′ Alonso (CHE).

Cartellini: 43′ Herrera (MUN), 80′ Rojo (MUN), 89′ Young (MUN); 52′ Willian (CHE), 53′ Kovacic (CHE).

Espulsi:

Arbitro: M. Atkinson.

Stadio: Old Trafford, Manchester.

FORMAZIONI E PAGELLE

Manchester United (4-3-1-2): De Gea 5; Young 5,5, Bailly 6,5 (dal 71′ Rojo 5), Lindelof 6, Shaw 6,5; Herrera 5, Matic 5,5, Pogba 6; Mata 6,5 (dal 81′ McTominay sv); Lukaku 6,5, Rashford 6 (dal 65′ Sanchez 5,5). All: O. G. Solskjaer 5,5.

Sostituti non usati: Darmian, Martial, Pereira, Romero.

Il migliore – Juan Mata. Lo spagnolo dovrebbe essere alle ultime partite con la maglia dei Red Devils. Eppure sforna una prestazione di cuore, come ci ha abituato. Un professionista esemplare, per di più da ex di questa partita. Segna un gol non difficile ma molto importante per il morale iniziale, per poi tessere le trame nella trequarti avversaria col suo piede sinistro.

Il peggiore – De Gea. Talento smisurato, attitudine imbarazzante. L’ultimo mese del portiere spagnolo è l’esemplificazione del perché, probabilmente, la sua avventura in maglia rossa sta giungendo alla conclusione. Dopo le papere contro Barcellona e City, il portiere si rende protagonista di un altro errore, magari meno evidente ma egualmente decisivo, sul gol del Chelsea. Non riesce a tenere la palla su un tiro da notevole distanza, permettendo a Marcos Alonso di insaccare da pochi passi.

Chelsea (4-3-3): Kepa 6,5; Azpilicueta 5, Rudiger 6 (dal 65′ Christensen 6), Luiz 5,5, Alonso 6,5; Kante 6,5, Jorginho 6, Kovacic 5 (dal 76′ Loftus-Cheek 5,5); Willian 5,5 (dal 84′ Pedro sv), Higuain 6, Hazard 5,5. All: M. Sarri 6.

Sostituti non usati: Barkley, Caballero, Giroud, Zappacosta.

Il migliore – Kepa. In verità nessuno spicca testa e spalle sugli altri, ma il portiere più pagato della storia mette in mostra il suo talento. Pronti via e opera una parata decisiva su Lukaku, il quale altrimenti avrebbe festeggiato il tredicesimo gol quest’anno. Per il resto della partita non compie interventi particolari, lo United è poca roba dalle sue parti.

Il peggiore – Azpilicueta. Il terzino è capitano ormai da qualche tempo, ma il suo livello non è stato sempre alto. Si fa saltare da Pogba più di una volta e non spinge moltissimo. Per il resto sembra volerci mettere quel qualcosa in più, ma rischia sempre di andare fuori giri. Campionato complessivamente anonimo per l’ex Marsiglia e Osasuna.

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 22 anni. Palermitano, studente di Economia.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".