Olanda- Inghilterra 3-1, pagelle e tabellino: Una grande Olanda sfrutta le amnesie della difesa inglese.

0
330

Oggi a Guimaraes si affrontano Olanda e Inghilterra nella seconda semifinale di Nations League. La vincente di questa sfida affronterà il Portogallo, che ieri ha battuto la Svizzera grazie ad una tripletta di Cristiano Ronaldo, nella finale che si svolgerà domenica sera.

L’allenatore dell’Olanda Koeman decide di affidarsi alla solita formazione schierando dal primo minuto Van Djik e Wijnaldum i quali hanno appena aggiunto al loro palmares personale la Champions League vinta con la maglia del Liverpool. L’unico cambio rispetto all’ultimo match pareggiato contro la Germania riguarda il terzino destro dove Dumfries ha preso il posto di Tete.

Southgate decide di eslucudere dal primo minuto tutti i reduci dalla finale di Champions League. Spicca tra tutti l’assenza di Kane che ha “costretto” l’allenatore a schierare come tridente titolare: Sancho-Sterling-Rashford. Un altra esclusione importante è sicuramente quella di Dele Alli che parte dalla panchina dopo la delusione della finale persa.

CRONACA:

Il direttore di gara Clement Turpin fischia l’inizio di un match che si preannuncia molto interessante. La partita ha subito ritmi altissimi con le due squadre che si affrontano a viso aperto. La prima occasione del match capita sui piedi di Bergwijn che però non riesce ad angolare il tiro che finisce comodamente tra le braccia di Pickford. Gli olandesi appaiono molto più lucidi rispetto agli avversari che sono costretti a subirne il gioco propositivo. Verso la metà del primo tempo, le due squadre non hanno avuto chiare occasioni da gol. L’Inghilterra passa in vantaggio al 31esimo minuto grazie a Rashord che trasforma un rigore ottenuto dopo un fallo di De Ligt sullo stesso attaccante dello United. L’Olanda prova a pareggiare grazie ad un tiro di Babel che però non impensierisce il portiere degli avversari. I ragazzi di Southgate vanno a un passo dal raddoppio quando Sancho serve un filtrante perfetto a Rashford il quale però viene fermato da un intervento provvidenziale di Dumfries. Allo scadere del primo tempo, de Ligt prova a segnare con un incursione aerea che però finisce lontano dallo specchio della porta.

Il secondo tempo inizia con un Inghilterra molto più propositiva rispetto a quella vista nel primo tempo. Gli inglesi sfiorano il raddoppio al 54esimo con un colpo di testa di Sancho che però finisce addosso a Ciliessen. L’Olanda prova a sfruttare una disattenzione della difesa inglese con un tiro di Depay che non infastidisce Pickford.i ragazzi di Koeman trovano il pareggio al 73esimo grazie ad un colpo di testa di de Ligt che da due passi insacca sul cross di Depay. Dopo aver segnato gli olandesi sembrano rigenerati e cercano insistentemente di arrivare nell’area di rigore inglese. Al 85esimo l’Inghilterra trova il gol del vantaggio grazie a Lingard che però viene annullato per fuorigioco grazie all’intervento del VAR. L’Olanda reclama un rigore per un presunto fallo di mano in area di rigore inglese, l’arbitro non è dello stesso parere. Kane cerca di portare in vantaggio i suoi con un conclusione che finisce di poco a lato. Lingard non ci sta e prova a segnare con un tiro a giro che però non centra lo specchio della porta. Tentativo di Sterling che scheggia la traversa. La ripresa si conclude con il pareggio tra le due squadre che adesso dovranno scendere in campo nuovamente per i tempi supplementari.

La prima azione degna di nota dei tempi supplementari capita sui piedi di Depay che da punizione tira centrale trovando l’opposizione di Pickford. L’Olanda passa in vantaggio al minuto 97 dopo una disattenzione di Stones che perde l’equilibrio regalando la palla a Depay. Il tiro dell’attaccante olandese viene ribattuto da Pickford il quale però non può nulla sulla ribattuta deviata da Walker) di Promes. L’Olanda chiude definitivamente i giochi al 114’ quando Depay sfrutta l’ennesima disattenzione di Stones mettendo una palla centrale per Promes che da due passi insacca il tap-in.

MARCATORI: Rashford 31’, de Ligt 72’, Aut Walker 97’, Promes 114’

AMMONITI: de Ligt 29’, Dumfries 44’, Van de Beek 106’

ESPULSI:/

OLANDA: Cilliensen; Dumfries, de Ligt, Blind, de Roon ( dal 67’ Van de Beek), Wijnaldum, de Jong (dal 114’ Strootman); Bergwijn ( dal 90’ Propper), Depay, Babel ( dal 67’ Promes).

LA SQUADRA 7: Inizialmente la difesa olandese soffre la velocità degli attaccanti inglesi, ma poi i ragazzi di Koeman riescono a gestire il match sfruttando al massimo le disattenzioni della retroguardia inglese.

IL MIGLIORE de Jong 7: Ennesima partita positiva per il centrocampista che l’anno prossimo giocherà a Barcellona. Ha dimostrato per l’ennesima volta di saper fare qualsiasi cosa sia in fase difensiva che in quella offensiva.

IL PEGGIORE: Babel 5: L’attaccante del Fulham non è riuscito a fare la differenza questa sera risultando spesso prevedibile agli occhi degli avversari.

INGHILTERRA: Pickford; Walker, Stones, Maguire, Chillwell; Barkley, Delph ( dal 76’ Henderson), Rice ( dal 105’ Alli); Sancho ( dal 60’ Lingard), Sterling, Rashford (dal 45’ Kane).

LA SQUADRA 6: Durante i tempi regolamentari la squadra di Southgate appare vivace riuscendo a mettere in difficoltà gli avversari in più occasioni. La sconfitta arriva per degli gravi errori in fase difensiva, reparto l’allenatore dovrà lavorare ancora molto.

IL MIGLIORE Pickford 7: L’estremo difensore del Everton tiene  viva la speranza della vittoria inglese fino alla fine grazie a delle ottime parate. Non ha colpe sui gol dell’Olanda che derivano da errori grossolani della difesa.

IL PEGGIORE Stones 4,5: Il difensore inglese paga delle grosse colpe sui tutti e tre i gol dell’Olanda. Appare insicuro per tutta la durata della partita.