RUSSIA 2018 – PAGELLE SVEZIA-INGHILTERRA 0-2

0
217

Ecco le pagelle del match tra Svezia e Inghilterra, conclusosi sul risultato di 2-0 per la nazionale dei Tre Leoni che accedono così, dopo 28 anni, alle semifinali della coppa del mondo.

Svezia (4-4-2): Olsen 6, Krafth 5.5 (Jansson s.v. 85′), Lindelof 5, Granqvist 5, Augustinsson 5.5, Claesson 6.5, Larsson 5.5, Ekdal 5.5, Forsberg 5 (Olsson 5.5 65′), Berg 5, Toivonen 5 (Guidetti 5.5 65′)

LA SQUADRA – 5, la pochezza tecnica della nazionale scandinava è evidente contro una squadra molto tecnica. La Svezia crea 2-3 occasioni ma oggi sarebbe servito qualcosa di più dal punto di vista offensivo.

IL MIGLIORE – CLAESSON 6.5, grande partita per il centrocampista che è l’unico a creare insidie alla difesa inglese; è l’ultimo a mollare tra i suoi ma purtroppo non è bastato.

IL PEGGIORE – FORSBERG 5, dal miglior giocatore dal punto di vista tecnico della sua nazionale ci si sarebbe aspettato qualcosa in più. Mai pericoloso, non riesce mai a superare il suo diretto avversario.

 

Inghilterra (3-5-2): Pickford 7.5, Walker 6, Stones 6.5, Maguire 7, Young 6.5, Lingard 7, Henderson 6.5 (Dier s.v. 85′), Dele Alli 7 (Delph s.v. 76′), Trippier 6.5, Sterling 5.5 (Rashford s.v. 90+1′), Kane 6

LA SQUADRA – 7, partita difficile ma ben giocata dalla nazionale inglese contro un avversario che ha cercato in ogni modo di limitarla dal punto di vista tecnico. Intelligenza tattica e pazienza sono state le armi decisive di oggi.

IL MIGLIORE – PICKFORD 7.5, fa tre grandissimi interventi che salvano l’Inghilterra. Grandi riflessi, bravura con i piedi e attenzione continua sono le sue doti migliori ed oggi l’ha mostrato al mondo intero.

IL PEGGIORE – STERLING 5.5, il suo contributo alla squadra è importante, fa da collante tra il centrocampo e l’unica punta Kane. Il suo voto è così basso per quell’occasione sprecata a tu per tu con Olsen, nella quale poteva e doveva fare molto meglio.

Gaetano Romano

20 anni, sono nato e vivo a Napoli. Studente di Lettere Moderne, divido la mia vita tra lo studio e la passione per la Premier e il giornalismo sportivo. Il Newcastle occupa completamente il mio cuore sperando di rivedere i Magpies degli anni d'oro.