Sterling escluso dai prossimi impegni con la Nazionale Inglese

0
139
Photo by Getty Images

Liverpool-Manchester City: una sfida che , nell’ultimo periodo, ha assunto quasi il sapore di titolo. Guai però a dire questa parola nelle zone limitrofe ad Anfield dove, l’anno scorso, il titolo, che manca ormai da molti anni, è sfuggito per un soffio. A vincerlo furono proprio i Citizens di Guardiola che si portarono a casa la Premier League grazie ai 98 punti totalizzati, uno in più del Liverpool di Klopp. E’ per questo motivo che questa sfida è molto sentita non solo dai tifosi, ma soprattutto dagli stessi giocatori.

Uno dei giocatori più rappresentativi di questa sfida è senza dubbio Raheem Sterling. La giovane ala del Manchester City è cresciuto proprio nelle giovanili del Liverpool, è stato poi venduto, il 14 Luglio 2015, ai rivali di Manchester per una cifra  che si aggira attorno ai 62 milioni di euro. Da quel momento in poi Sterling si è rivelato uno dei pilastri del gioco di Guardiola  il quale ha migliorato molto le prestazioni del giocatori. L’allenatore catalano è riuscito a sfruttare la velocità e dinamismo del ragazzo unendoli ad una freddezza sotto porta tipica di una prima punta.

Photo by Getty Images

Domenica scorsa si è giocata proprio Liverpool-Manchester City, partita che ha visto prevalere i padroni di casa per 3 a 1 contro un City molto deluso dal arbitraggio. Gli ospiti che , a causa di questa sconfitta scivolano al quarto posto a -9 dai Reds, sono apparsi molto nervosi soprattutto durante gli ultimi minuti del match. Uno dei giocatori più agitati è stato lo stesso Sterling il quale si è reso protagonista di una discussione accesa con il compagno di nazionale Joe Gomez, difensore centrale del Liverpool. Con il fischio finale, la questione tra i due sembrava chiusa, ma la vicenda delle ultime ore ha dimostrato il contrario.

Durante il ritiro con la nazionale inglese, Sterling si è reso protagonista di una discussione in allenamento sfociata poi in rissa con lo stesso Gomez. Questo comportamento ha portato l’attuale allenatore della nazionale inglese Gareth Southgate a escludere l’attaccante inglese dalle prossime due partite contro Montenegro e Kosovo. Lo stesso allenatore ha dichiarato: “Purtroppo le tensioni della sfida di domenica erano ancora vive. Uno dei nostri grandi punti di forza è quello di essere riusciti ad eliminare nel gruppo della Nazionale la rivalità tra le varie squadre. Abbiamo deciso di non considerare Sterling per la gara con il Montenegro e secondo me si tratta di una scelta giusta”. La reazione del giocatore del City è stata molto comprensiva, ha dichiarato infatti di rispettare la scelta dell’allenatore aggiungendo che lui e Gomez hanno già avuto modo di chiarirsi dopo l’accaduto.