CHELSEA-FULHAM 2-0, pagelle e tabellino: brilla Kante, Ranieri fa quel che può. Kovacic bocciato

0
181
Chelsea Hazard Psg Real Madrid

Il Chelsea batte il Fulham per due e reti a zero bissando il successo di giovedì sera in Europa League dimostrando di aver messo alle spalle il brusco stop di otto giorni fa con il Tottenham; di seguito la cronaca, il tabellino e le pagelle del match di Stamford Bridge.

CRONACA: Partita subito in discesa per i padroni di casa abili a trovare il vantaggio nei primi cinque minuti grazie ad una percussione di Kantè finalizzata abilmente da Pedro,che dopo aver dribblato il proprio marcatore rientra sul sinistro trafiggendo l’incolpevole Rico; nell’occasione molte responsabilità per Seri reo di perder malamente palla in fase di uscita permettendo al centrocampista francese di dare il là all’azione del vantaggio dei padroni di casa. Come spesso capita ultimamente il Chelsea si accontenta poi di un semplice controllo del gioco senza mai veramente cercare la via del raddoppio che avrebbe potuto indirizzare definitivamente il match dalla propria parte; da par suo Ranieri, sapendo delle differenze tecniche tra le due squadre, accetta lo spartito della partita accontentandosi di rimanere nel match sperando in qualche disattenzione dei blues. Il primo tempo fila via così con poco da raccontare se non qualche tiro innocuo da entrambe le parti che ha solo il merito di tener caldi i guantoni dei due portieri; la ripresa invece assume toni diversi sin da subito grazie ai cambi, risultati positivi, apportati da Ranieri con Kamara Ayite in campo al posto dei deludenti Sessegnon Johansen.

Il Fulham ne guadagna in manovra e in pericolosità riempiendo molto più spesso l’area dei padroni di casa, andando vicino alla rete del pari soprattutto con Chambers che su un calcio d’angolo vola in area per colpire di testa ma un reattivo Arrizabalaga nega la gioia ai Cottagers; sempre Chambers pochi minuti dopo sfiora il pareggio con un tiro dal limite dell’area su cui il portiere spagnolo si fa nuovamente valere. Sarri capisce che necessita di forze fresche e cambia il sofferente Kovacic per Loftus-Cheek e la scelta si dimostra indovinata perché è proprio il talento sbocciato nelle giovanili dei blues a chiudere di fatto il match capitalizzando al meglio la grande giocata di Hazard;la rete difatti spegne le speranze degli ospiti che da quel momento non risultano più pericolosi, rischiando in un paio di circostanze di subire la terza rete in contropiede, ma Morata prima e Pedro poi falliscono il 3-0 che sarebbe stato un risultato ancora eccessivo per i Cottagers.

TABELLINO: CHELSEA – FULHAM 2-0 (4′ Pedro, 82′ Loftus-Cheek)

AMMONITI: 54 Odoi (f), 69 Azpiculeta (c) , 83 Morata (c)

ESPULSI: nessuno

STADIO: Stamford Bridge

CHELSEA (4-3-3) Arrizabalaga7, Azpilicueta 6, Rudiger 6, David Luiz 6, Alonso 5 (dal 78′ Zappacosta 6), Kantè 7,5, Jorginho 5,5, Kovacic 5 (dal 67′ Loftus-Cheek 7), Pedro 7, Giroud 6 (Dal 70′ Morata 5), Hazard 6,5. All: Sarri 6,5

LA SQUADRA: Due vittorie in una settimana con sei reti fatte e nessuna subita sono una buona medicina per il Chelsea di questi tempi, parso anche oggi comunque lontano da quello di inizio stagione per idee ma soprattutto ritmi; questo Chelsea non basterà tra sei giorni quando allo Stamford Bridge arriverà il City.

IL MIGLIORE: Kantè Recupera il solito inquantificabile numero di palloni dando anche  il via alla rete del vantaggio mostrandosi nuovamente uomo imprescindibile per il centrocampo blues.

IL PEGGIORE: Kovacic Sarri insiste su di lui come mezzala sinistra e anche oggi dimostra di non attraversare il suo migliore momento stagionale, perdendo numerosi palloni con controlli errati e dribbling spesso futili. Forse il ragazzone subentratogli nel finale meriterebbe più spazio.

FULHAM (4-2-3-1): Rico 6, Christie 6,5, Odoi 5, Mawson 5,5, LeMarchand 5, Seri 5, Chambers 7, Johansen 5 (dal 46′ Ayite 6), Cairney 5,5 (dal 76′ Kebano 6), Sessegnon 5 (dal 46′ Kamara 6,5), Mitrovic 5,5. All: Ranieri 6

LA SQUADRA : I cottagers impattano male la partita andando subito in svantaggio ma hanno la forza di reggere l’urto dei più forti padroni di casa per attendere il secondo tempo per sfiorare più volte un pareggio che non sarebbe stato scandaloso; l’impressione è che il cambio in panchina sia stato indovinato.

IL MIGLIORE: Chambers  Vista la brutta giornata di Seri regge praticamente da solo il centrocampo ospite risultando anche l’uomo più pericoloso dei suoi andando vicino al pareggio per ben due volte.

IL PEGGIORE: Seri Inizia malissimo il match con una palla inguardabile persa davanti alla difesa e non si riprende più giustificando sempre più i dubbi sulla cifra spesa per prelevarlo in estate dal Nizza( circa 20 mln di euro)

Pierluigi Cuttica

Vivo e respiro di calcio, dopo tanti anni di futile peregrinare ho trovato nel calcio inglese la mia casa; tifosissimo del Chelsea, non trovo parole sufficienti per descrivere ciò che provo ogni volta che entro dentro Stamford Bridge.