CRYSTAL PALACE – EVERTON 0-0 pagelle e tabellino: il Palace ferma la corsa dell’Everton all’Europa League

0
667

CRYSTAL PALACE – EVERTON 0-0

Al Selhurst Park arriva l’Everton, reduce dalla grandissima vittoria di Goodison Park contro lo United. I Toffies hanno rifilato quattro sberle ai Red Devils e adesso puntano dritti alla zona Europa League per dare un senso diverso a questa stagione. Il Crystal Palace dopo la clamorosa vittoria all’Emirates Stadium contro l’Arsenal, vuole invece regalarsi un finale di stagione da protagonista. Le Eagles per l’ennesima stagione si sono salvate con molte giornate d’anticipo, magari la prossima stagione, con qualche innesto di mercato, si punterà magari a qualcosa di più, chissà. Oggi in quel di  Londra, la giornata è uggiosa e il sole non ne vuole che sapere di fare capolino tra le nuvole, temperature autunnali.

Il direttore di gara,il signor Lee Mason alle 15 precise fischia il calcio d’inizio.

Le Eagles partono fortissimo, con Zaha che mette subito in mostra le sue doti, liberando Meyer sulla sinistra, il tedesco mette in mezzo ma sbaglia a calibrare il cross. Siamo appena al primo minuto di gioco. Al 4′ è il turno dell’Everton con Richarlison, che sfrutta un errore clamoroso di Kelly, che manca il pallone su un lancio lungo, l’attaccante dei Toffees davanti a Guaita si defila e calcia debolmente. al minuto 8 ancora la difesa di casa che combina un pasticcio, con Dann che appoggia un pallone all’indietro con sufficienza, l’attacco degli ospiti però non ne approfitta. le due squadre giocano una partita equilibrata senza scomporsi, i padroni d casa morano sprazzi di buon calcio col solito Zaha, poi sale in cattedra Wan-Bissaka che ora mai da promessa sembra una solida realtà. Gli ospiti molto attivi con Richarlison sulla destra, poco assistito dai compagni. Nel primo tempo, non ci sono molte occasioni da segnalare, se non un tiro di Luka Milivojevc al minuto 28 e le solite uscite a vuoto di Guaita, che mettono sempre i brividi. Si va al riposo sullo 0-0.

La ripresa si apre con gli ospiti propositivi, Bernard al 51′ prova a sorprendere tutti, con un tiro potente sul primo palo, ma Guaita fa buona guardia e respinge con i pugni, al 75′ miracolo di Guaita su una girata ravvicinata del uovo entrato Tosun che raccoglie un cross dalla sinistra. Everton che negli ultimi dieci minuti, spinge sull’acceleratore, arrivando spesso sul fondo, ospiti che collezionano ben 10 corner. Padroni di casa che arretrano non riuscendo più a imbastire azioni degne di nota. Al minuto 88 però,  Everton vicinissimo al gol, con un traversone di Walcott deviato sulla traversa, a Guaita battuto. Dopo il pericolo scampato, Il Palace tenta l’ultimo assalto con un calcio d’angolo ma non c’è più tempo e l’arbitro fischia la fine. Pareggio al Selhurst, senza troppe emozioni, Everton bloccato nella corsa all’Europa League. Da Londra è tutto, alla prossima!

MARCATORI

AMMONITI Milivojevic 9′, Kouyate 73′, 

ESPULSI

 

 

PAGELLE CRYSTAL PALACE 4-4-2 Guaita 5,5, Van Aanholt 5,5, Dann 5,5, Kelly 6, Wan-Bissaka 7, Meyer 5(Townsend 6 dal 71′), Kouyate 5,5, Milivojevic 6,5, McArthur 6, Zaha 6,5, Benteke 6,5

LA SQUADRA Primo tempo prudente, con un paio di svarioni difensivi, ripresa più intraprendente, ma non abbastanza.

IL MIGLIORE Wan-Bissaka 6,5 Ancora migliore in campo, stagione stupenda del terzino nato a Croydon. Facilità di dribblare l’avversario disarmante, oggi non sbaglia nulla.

IL PEGGIORE Meyer 5 Oggi la nota del peggiore della classe, va a Max Meyer, che gioca una partita sotto ritmo, sbaglia troppi passaggi facili, giornata decisamente no.

 

PAGELLE EVERTON 4-2-3-1 Pickford 5,5, Digne 6, Zouma 5,5, Keane 6, Coleman 6, Gueye 5, Scheneiderlin 5,5, Bernard 6(Lookman s.v. dal 84′), Siguròsson 68Walcott s.v. dal 86′), Richarlison 6,5, Calvert 5,5(Tosun 6 dal 72′)

LA SQUADRA Primo tempo lento e compassato, squadra frenata dai tatticismi. Secondo tempo meglio ma il pareggio ferma la corsa europea dell’Everton.

IL MIGLIORE Richarlison 6,5 L’anima di questa squadra, il giocatore su cui puntare la prossima stagione. Qualità sopraffina e visione di gioco superiore.

IL PEGGIORE Gueye 5,5 Il centrocampisti dei Toffees si rende protagonista di una prestazione incolore, sotto le aspettative. Gioca a rallentatore.