10 giocatori che non ricordavi all’Arsenal

0
122

Giovani di belle speranze poi più o meno mantenute, ma anche un annunciato super-centravanti che non ha reso come quando ha indossato la gloriosa maglia del Real Madrid. Abbiamo scelto dieci giocatori che siamo certi farete fatica a ricordare con la maglia dell’Arsenal.

Photo by Getty Images

Per tradizione i Gunners sono un club che, specialmente sotto la guida di Arsene Wenger, ha spesso puntato su giovani di grandi speranze. Tantissimi ragazzi hanno lasciato Spagna, Francia o altri paesi europei per accasarsi a Londra e indossare la maglia dell’Arsenal. Di questi però non tutti hanno avuto grande fortuna. O meglio, non con la divisa biancorossa. L’esempio più lampante è probabilmente Serge Gnabry. E’ il 2011 quando questo promettente ragazzino tedesco lascia Stoccarda per volare a Londra. Tecnica e velocità non mancano, ma Gnabry fatica ad esplodere. In tre stagioni colleziona 14 presenze complessive e un gol. Nel 2015-16 va in prestito al West Browmich Albion, mentre la stagione successiva viene ceduto a titolo definitivo per 5 milioni di euro al Werder Brema. Ora è un giocatore chiave del Bayern Monaco e una presenza fissa nella nazionale tedesca.

Photo by Getty Images

Sicuramente meno successo ha invece riscosso altri Fran Merida. Doveva essere il nuovo Fabregas, anche se con caratteristiche più offensive. Si è invece rivelato un flop. Arrivato, come Fabregas, dalla cantera del Barcellona, Merida collezionò nel suo complesso 16 presenze e due reti. Poi una cessione all’Atletico Madrid nell’estate 2010, tanti prestiti, poche gare e addirittura un tentativo di rilanciarsi in Brasile con l’Atletico Paranaense. Del Brasile ne era invece il terzino titolare Andre Santos quando dal Fenerbahçe si trasferì a Londra nell’agosto 2011. Ma le belle prestazioni offerte con la Seleçao e con il club turco, il terzino sinistro brasiliano non riuscì a ripeterle. 33 presenze e tre gol in un anno e mezzo a Londra prima di tornare in Brasile, al Gremio.

Photo by Getty Images

L’anno prima, a Londra, era arrivato gratis dal Bordeaux il marocchino Marouane Chamakh. Reduce da 32 gol complessivi nelle ultime due stagioni con i girondini, l’attaccante africano doveva essere il nuovo volto dell’attacco di Wenger. Restò ai Gunners due stagioni e mezzo con il magro bottino di 14 reti (8 in Premier) in 67 presenze. Di certo Chamakh fece meglio (non che ce ne volesse tanto) di Park Chu-young, attaccante sudcoreano arrivato dal Monaco l’estate successiva. Doveva essere la risposta del più famoso Park Ji-sung del Manchester United: neanche lontanamente paragonabile dallo straordinario impatto dell’ex Psv con i Red Devils. 6 partite totali e un gol, poi una serie di prestiti prima dell’addio definitivo nel 2014. Nell’estate 2010 a Londra arrivò anche Sebastien Squillaci dal Siviglia. Un’annata con tante presenze, ma poco convincenti, tanto è vero che l’estate successiva i Gunners acquistarono Mertesacker al centro della difesa. Il difensore transalpino venne relegato in panchina: 39 presenze in tre stagioni, con prove che i tifosi hanno preferito dimenticare.

Photo by Getty Images

Bisogna invece tornare più indietro per ripescare in maglia Arsenal il croato Davor Suker. Arrivato dal Real Madrid nell’estate 1999, il centravanti non riuscì a ripetere le eccellenti prestazioni offerte in nazionale e in Spagna. Nell’unica stagione all’Arsenal andò in gol solo 11 volte in 39 presenze complessive. Tornando invece a giovani non esplosi, bisogna poi citare altri due nomi. Uno, più recente, è quello di Jeff Reine-Adelaide, lanciato da Wenger in Coppa di Lega ed FA Cup e che mai ha esordito in Premier. Ora è a Lione, alle prese con un grave infortunio, ma le qualità sono tante. Forse ci sarebbe voluta più pazienza. Pazienza che il club non ha avuto neppure con Jermaine Pennant. Arrivato a 16 anni dal Notts County, Pennant rimase all’Arsenal fino al 2005. Tanti prestiti, poche partite e una maggior fortuna decisamente trovata con Liverpool e Stoke City.