CITIZENS CORNER – Doppia delusione!

0
317

Amici Citizens, sapevamo tutti che prima o poi sarebbe finita l’incredibile striscia di undici vittorie consecutive, ma su una doppia sconfitta casalinga in pochi ci avrebbero scommesso. Invece è successo e il City si appresta a dover fronteggiare il primo momento di difficoltà di questa stagione che può minare alcune certezze.

CITY V JUVE- La partita più attesa, la grande attesa per dimostrare a tutta Europa che stavolta facciamo sul serio, e invece capitoliamo 2-1 davanti al nostro pubblico per colpa di errori sia davanti che dietro. Agüero recupera ma solo per la panchina, in attacco Silva, Sterling, Nasri e Bony. Tempo dieci secondi e Sterling avrebbe il pallone dell’1-0 ma lo spara addosso a Buffon; per tutto il primo tempo abbiamo il pallino del gioco ma non riusciamo a renderci pericolosi, mentre la Juve tiene il campo. Poi Fernandinho va vicino alla rete con due bombe da lontano che terminano di poco a lato. Nella ripresa riusciamo finalmente a trovare il vantaggio quando Chiellini devia nella propria porta un corner di Silva, anche se il gol è viziato dal clamoroso fallo di Kompany sul difensore italiano. Dopo il gol andiamo vicinissimi al 2-0 ma ancora una volta Sterling, solo davanti a Buffon spreca tutto, e così la Juventus prende coraggio mentre il City sparisce dal campo. Hart salva su Sturaro, ma sul lancio di Pogba dalla trequarti, Mangala si perde Mandžukić che fa 1-1 e diventa il primo giocatore in stagione a segnare al nostro portierone. Deve uscire anche il Capitano per infortunio, siamo disordinati in difesa e subiamo anche il clamoroso 2-1 con un bel sinistro di Morata: la serata si conclude con amarezza, dopo la grandissima parata di Buffon su Yaya Touré. Di nuovo rimandati in Europa.

CITY V WEST HAM- In Premier League per reagire dunque: Pellegrini deve fare a meno di Kompany e di David Silva, esordio da titolare per Otamendi e De Bruyne, mentre Agüero riprende il suo posto in attacco. Neanche il tempo di prendere le misure che ci ritroviamo sotto di un gol dopo 6 minuti grazie al destro di Moses che fulmina Hart. Per il resto, creiamo tanto e sprechiamo tanto, l’occasione più ghiotta capita ad Agüero che supera Adrián ma calcia malamente fuori. Non un grande inizio di stagione per il capocannoniere della scorsa Premier. Poi arriva il fattaccio: su corner (che per la verità non c’era) subiamo il 2-0 di Diafra Sakho dopo che il pallone è rimasto mezz’ora nell’area piccola, colpa della solita distrazione difensiva. Siamo in ginocchio, ma De Bruyne ci rialza con un gran destro dal limite dell’area che dimezza lo svantaggio. La ripresa si trasforma in un assedio, entrano anche Bony e Iheanacho ma la palla non ne vuole proprio sapere di entrare. Ci provano Agüero, Yaya Touré, Sagna ma la difesa degli Hammers e Adrián in particolare sembrano imperforabili e portano a casa una clamorosa vittoria.

ANALISI- Che dire? Due sconfitte così vicine e per giunta in casa può seriamente minare la fiducia in casa Citizens, ma sono partite perse soprattutto per errori nostri piuttosto che meriti altrui. In Champions League abbiamo giocato bene e creato delle occasioni, ma non possiamo essere così spreconi sottoporta, perchè in Europa ti puniscono, e così è successo con la Juventus, dove hanno segnato grazie a 2 dei loro 3 tiri totali in porta. In campionato è stata la stessa storia: abbiamo totalizzato 26 occasioni verso la rete di Adrián, segnando un misero gol. Non va bene. D’accordo che con gli Hammers le assenze di David Silva e di Nasri sono pesate parecchio, ma non può essere un alibi per essere così spreconi davanti alla rete. I tanti infortuni poi non aiutano i giocatori ad essere al pieno della forma, perchè alcuni hanno giocato ogni singola partita senza possibilità di rifiatare nemmeno un istante. Rimango comunque fiducioso, siamo ancora in testa alla Premier e il girone di Champions è lungo, però dobbiamo reagire subito a cominciare dalla Coppa di Lega col Sunderland e in campionato col Tottenham, entrambi in trasferta. C’mon City!

Alessio Angelucci, Italian Blue Moon