IRONS CORNER – Magic Moments… Tony Cottee

0
375

West Ham
Quando le cose, sportivamente parlando, si mettono male, è uso e costume di ogni tifoso di qualunque disciplina in qualunque angolo del globo, rivangare i cd. “good ol’ times“, i bei vecchi tempi, cullandosi nella memoria dei successi e degli “eroi” del passato per consolarsi del grigio e triste presente. Questa descrizione si attaglia perfettamente alla situazione dei supporter degli Hammers in questa stagione, specialmente dopo la partita con gli Eagles: grandissima occasione sprecata per dar un cambio di marcia vero alla stagione, dovuto ad una prestazione disattenta e confusionaria, in grado di far tornare alle luci della ribalta il redivivo Chamakh, a secco da addirittura un anno!

Chissà quante volte, quindi, negli ultimi tempi i tifosi del West Ham si saranno ritrovati al The Duke of Edinburgh o al Queens (due famosi pub di Green Street NdR) davanti ad una pinta a raccontare aneddoti sugli antichi fasti della squadra con aria sognante.

TONY IL PREDESTINATO – Era il primo gennaio del 1983 quando il piccolo Antony, a soli 17 anni, realizza il sogno di ogni ragazzino dell‘Academy, debuttare in prima squadra! La partita di First Division si gioca contro gli “odiati” Spurs, al minuto 27 un calcio di punizione per gli Irons è l’antefatto che apre questa meravigliosa storia: mischia in area, la palla sbatte sulla traversa ed il giovane Tony vi si avventa come un rapace, colpo di testa e… GOOOOOAAAAAL!

LA CARRIERA DA BOMBER – Da allora Tony non si è più fermato, segnando a ripetizione e diventando uno dei più prolifici bomber della Premier, eroe della leggendaria stagione degli Irons 1985-86 conclusasi al terzo posto con 84 punti, ad un soffio dal Liverpool capolista. Le due stagioni successive del West Ham furono decisamente più sfortunate, ciononostante, nell’estate dell’88, il ventitreenne di  Newham aveva già segnato ben 93 reti in maglia claret&blue!

IL PASSAGGIO ALL’EVERTON – La dirigenza degli Hammers, anche a fronte dei risultati non eccelsi dopo l’exploit dell’86, decise di fare cassa vendendo il suo pezzo più pregiato. Senza scomodare le regole della casa di Christie’s, l’Everton offrì direttamente quella che era allora una cifra record pazzesca per le squadre d’oltremanica, ben 2.2 milioni di sterline, al fine di assicurarsi le prestazioni del giovane, ma ormai maturo Cottee. Tony continua a segnare con la maglia dell’Everton, tuttavia, nonostante le sue brillanti prestazioni, la squadra in quel periodo entra in una fase non particolarmente positiva dopo i fasti del più recente passato.

COMING HOME – Nel ’94 Redknapp riporta a casa il figliol prodigo, che lo ripaga a suon di goal, aiutando gli Hammers ad evitare la retrocessione, tuttavia due anni più tardi, chiuso dall’arrivo di Raducioiu e Porfirio, lascia nuovamente la squadra per tentare la fortuna in Malesia. Alla fine delle sua avventura coi Martelli avrà collezionato 335 presenze e la bellezza di 145 segnature che faranno di lui per sempre una leggenda degli Irons.

IL PRESENTE – Oggi Tony è un brillante commentatore per Sky Sports, e continua a seguire con affetto i suoi Hammers, sebbene i ragazzi di Big Sam in questa stagione gli stiano dando ben pochi motivi per gioire. Quasi sicuramente la desolante situazione non cambierà nel prossimo turno: il Liverpool di oggi è una squadra troppo al di fuori della portata dei Martelli visti in campo sino ad ora, e solo una prova di orgoglio accompagnata da un “suicidio collettivo” dei Reds potrebbe cambiare le cose.

L’appuntamento è per Sabato alle 16:00.

COME ON YOU IRONS!

Elisa Villani

Veronese nata nell'anno del Mundial, ex giuri-studente ora logimasterata e giuri-praticante, ha tre grandi amori: il suo Mr D., il West Ham United e l'Unendo Yamamay Busto Arsizio. I suoi sport preferiti sono il jogging, il Subbuteo, entrambi praticati a un buon livello amateur, e il sollevamento forchetta in cui è fuoriclasse alla Maradona.
Vive, ama e impreca tra la Bassa Veronese, i Tribunali veneti, il Palayamamay e il divano da dove segue le partite degli Irons.
Elisa Villani