BLACK CATS CORNER – Chi scende ?

0
419

Il Sunderlandecho questo week end ha pubblicato una divertente messinscena, chiedendo a cinque diversi giornalisti sportivi dell’area metropolitana del Tyne & Wear di pronosticare quale sarà la squadra che accompagnerà Burnley e Qpr in Championship (dando quindi per scontato che le due ormai ex neopromosse non riusciranno a colmare il gap che le separa dalla quartultima piazza). Prima di svelare come gli intervistati hanno risposto e quali giustificazioni hanno arrecato a sostegno delle loro tesi diamo un’occhiata alla classifica

Image and video hosting by TinyPic

Sarà inutile ripeterlo, ma il Sunderland ha giocato una partita in meno delle altre, ossia la gara contro i Gunners, impegnati a Wembley nella semifinale di Fa Cup. Un confronto senz’altro proibitivo che si recupererà il 20 Maggio all’Emirates, quando i punti ancora a disposizione per le antagoniste saranno solo 3. Un vantaggio non trascurabile. Tre sono anche i punti che separano il quintetto formato da Sunderland, Newcastle, Hull, Aston Villa e Leicester, così come le partite che mancano al termine della stagione.
Il team di giornalisti ha interrogato le sfere di cristallo per prevedere come andrà a finire la lotta per non retrocedere, e ne è venuto fuori che due di loro credono che a scendere sarà il Newcastle, altri due che toccherà all’Hull City far compagnia a Burnley e Qpr e solo uno certo che a non farcela saranno i Black Cats. Andiamo a vedere uno per volta come gli intervistati hanno motivato le loro scelte:

Secondo Chris Young (Sunderlandecho) ad abbandonare la massima serie sarà (guarda un po’) proprio il Newcastle, che a suo dire non troverà più vittorie da qui a fine campionato, interrompendo però la striscia di risultati negativi già questo sabato contro il WBA. Due i punti che Young assegna ai Magpies, frutto dei pareggi casalinghi contro la squadra di Tony Pulis e il West Ham di Sam Allardyce che “non vorrà di certo fare un favore alla sua ex squadra”. Nel mezzo la sconfitta con il QPR, che è bene ricordare potrebbe ritrovarsi alla 37esima già matematicamente condannato. La vera curiosità è però l’ipotesi che Sunderland, Hull e Newcastle accumulino gli stessi punti (37) e che a costringere i bianconeri a disputare la Championship sarà la differenza reti (-24 contro i -22 dei Black Cats e un rassicurante -15 dei Tigers).

Situazione quella che vede coinvolta i tre team che ripropone inverosimili analogie con la stagione 2008/2009, quando fu proprio il Newcastle ad incappare nella botola e precipitare. A sottolineare il paragone è Daniel Prince, giornalista di Sport, che ricorda come quell’anno le sconfitte delle tre pretendenti nell’ultima giornata di campionato ebbero come unico effetto quello di conservare lo status quo, permettendo a Tigers e Black Cats di rimanere in Premier ancora un anno. Ma le affinità tra quel campionato e l’attuale non terminano qui: Il Sunderland chiuse infatti la stagione sfidando il Chelsea, mentre l’Hull City ospitò il Manchester United. E indovinate un po’ ? Entrambe le partite andranno nuovamente in scena nel 38esimo turno (permettetemi poi una piccola forzatura, il Newcastle giocò in trasferta al Villa Park. Il 24 Maggio i Magpies affronteranno ancora una squadra di “claret and blue” vestita, ovvero gli Hammers)

Image and video hosting by TinyPic

Ciò che Daniel Prince però sostiene è che questa volta a detenere il misero primato di esser i primi della red-zone saranno proprio i Black Cats (‘te possino), che termineranno la stagione con 35 punti contro i 42 dell’Aston Villa, i 41 del Leicester, i 37 del Newcastle e i 36 dell’Hull City.

Uno dei punti che mette sostanzialmente un po’ tutti d’accordo è la circostanza seconda la quale l’Hull City è costretto a vincere questo week end se vuole avere reali chance di rimanere abbarbicato al treno della massima serie. La sfida tra le mura amiche contro il Burnley altro non è che la classica arma a doppio taglio che Steve Bruce & Co. possono e devono volgere a loro favore. Chi non è di questo avviso è Miles Starforth, l’intervistato numero 3, giornalista e tifoso Magpies, che sembra voler dare una chance alla sua squadra pronosticando un pareggio tra Hull City e Burnley. Senza approfondire le ragioni della sua scelta, Starforth procede per esclusioni, motivando l’insperata salvezza del suo Newcastle con un moto d’orgoglio spinto dalla complicità di un QPR ormai spacciato.

E simile è la trama descritta da Richard Mennear, blogger indaffarato nelle vicende dell’Hartlepool United, società calcistica militante in League Two. Anch’egli crede che sarà la squadra di Steve Bruce a salutare la Premier League, ma con una premessa, ovvero che affinchè questo accada è indispensabile che i Magpies vincano il prossimo incontro con il WBA, e che ciò avvenga sic et sempliciter per ragioni puramente statistiche. Insomma, Mannear sfida le sue stesse deduzioni logiche, abbandonandosi alle contraddizioni del suo istinto e stilando una mini-classifica che vede i Villans superare quota 40, seguiti a pari merito da Leicester e Newcastle (38), Sunderland (37) e Hull City (36).

Tra le costanti, oltre a quelle ovvie che personalmente condivido, ossia una salvezza tutto sommato tranquilla per i Villans, coadiuvati da un calendario non impossibile e da un Benteke in grande spolvero, maggioritaria è la convinzione che i Black Cats possano avere la meglio sul Leicester tra le mura amiche. Che la salvezza del Sunderland passi dal match contro le Foxes è fuori discussione. E’ infatti assai probabile che se a steccare questo week end fosse una tra Newcastle e Hull City, i tre punti contro il Leicester diventerebbero testualmente questione di vita o di morte  e una mancata vittoria ci obbligherebbe a simulare l’impresa dello scorso finale di stagione. Come un tunnel di Vergini al limite della sua area di rigore, bello solo a posteriori).

 

 

Last but least il pronostico di Ross Gregory (Head of Sport), senza dubbio il mio preferito, che non dà alcuna chance di salvezza alla corte dei miracoli guidata da John Carver, dilatando la serie negativa dei Magpies a 11 match consecutivi.  “Si può onestamente pensare di vedere il Newcastle fare ancora un punto in questa stagione ? – No, non si può”. Ed il club è senza dubbio nel caos più totale, Carver (che la stampa d’oltremanica ha ormai ribattezzato chief of cones) non ha la minima idea di quali soluzioni apportare per invertire la rotta e rimettere in carreggiata uno spogliatoio indisciplinato e con poche qualità. In breve, Gregory non esclude colpi di scena, ma è certo che Sunderland, Hull e Leicester (i Villans non sono nemmeno citati) possano conquistare i tre punti almeno in uno dei prossimi impegni e di conseguenza accompagnare alla porta il Newcastle, magari ricevendo l’estrema unzione negli ultimi 90′ da Kevin Nolan, ex capitano dei bianconeri passato nel 2011 al West Ham.

Dalle parti del Tyne-Wear si proverà a salvare capra e cavoli, nonostante meno di una settimana fa lo stato delle cose sembrava imporre il sacrificio dell’una o dell’altra parte. A noi l’incombenza di guadagnare il prima possibile un posto in prima fila sulle rive Tyne e attendere il passaggio delle gazze.

Amici del Black Cats Corner, alla prossima …

#HAWAYTHELADS

Marco Lauria

Il filetto al pepe verde, lo spritz amblè, AM degli Arctic Monkeys, Woody Allen, Kevin Spacey, Chandler Bing, i dropshot di Dolgopolov, il mancino di Morfeo

Latest posts by Marco Lauria (see all)