Da Karius a Adrian: il portiere tradisce ancora il Liverpool di Champions

0
95

La notte del 26 maggio 2018 fu probabilmente l’inizio della grande cavalcata che ha portato il Liverpool, un anno dopo, a sollevare la Champions League sotto il cielo stellato di Madrid contro il Tottenham. In quella notte, i Reds di Jurgen Klopp si dovettero arrendere in finale di fronte al fortissimo Real Madrid di Zinedine Zidane a causa anche e soprattutto della prestazione da incubo del portiere Loris Karius che di fatto con i suoi errori spianò la strada del successo ai madrileni.

Da lì l’estremo difensore tedesco non sembra più essersi ripreso, mentre il Liverpool ha scelto la soluzione drastica spendendo qualche settimana più tardi oltre 60 milioni di euro per affidare la difesa della porta al brasiliano Alisson, diventato uno dei perni dei trionfi Reds e uno dei portieri più forti in circolazione.

Anche per questo la sua mancanza si fa sentire più di ogni altra probabilmente. Soprattutto nella sfida con l’Atletico Madrid che ha sancito l’eliminazione del Liverpool agli ottavi di finale di questa Champions League, maturata anche a causa di una prestazione non brillante del vice-Alisson, l’esperto spagnolo Adrian. “Sono molto triste per il risultato di questa sera, chiaramente non era quello che ci aspettavamo. Grazie a tutti i tifosi che ci hanno supportato, abbiamo ancora grandi obiettivi davanti a noi” ha scritto l’estremo difensore a fine partita su Twitter. E i tifosi non l’hanno presa benissimo.

Sono stati centinaia i messaggi dei fan in risposta ad Adrian, preso di mira con toni sopra le righe e addirittura minacce di morte da parte di qualche utente che di certo non possiamo chiamare tifoso. “Vai via dalla mia squadra, scarto del West Ham” scrive qualcuno. “Guarda cosa ci sei costato” aggiunge qualcun altro. Per limitarci ai commenti non da censura…