Gabriel Martinelli, il ‘nuovo Thierry Henry’ che può scegliere la Nazionale italiana

0
399

E se nel ballottaggio azzurro tra Immobile e Belotti la spuntasse Gabriel Martinelli? Stiamo estremizzando, ovviamente, perché nella volata verso Euro 2020 il Ct dell’Italia Roberto Mancini ha già le idee piuttosto chiare e si affiderà ai suoi due bomber che in Serie A stanno facendo benissimo. Per il futuro, però, gli occhi sono puntati sul nuovo gioiello che sta facendo impazzire la Premier League ed i tifosi dell’Arsenal in particolare.

Classe 2001, sbarcato a Londra in estate per circa 7 milioni di euro dall’Ituano, Martinelli è nato a Guarulhos, in Brasile, ma come si intuisce anche dal cognome ha chiare origini italiane, così come il passaporto che gli ha permesso di sbarcare in Premier. Il Ct del Brasile Tite lo chiamò quindi per uno stage con la Selecao già prima della Copa America del 2019, senza però poi convocarlo. Per questo motivo il talento dei Gunners rimane selezionabile anche per l’Italia di Mancini che qualche tempo fa aveva di fatto ammesso di monitorarlo con grande attenzione, aggiungendo però anche che “non è facile, serve una richiesta”. E serve anche la volontà del giocatore, che sembrerebbe aver espresso una preferenza per la patria in cui è cresciuto, il Brasile, ma i discorsi non sono chiusi e l’Italia spera.

Intanto se lo gode l’Arsenal. È diventato il più giovane a segnare una doppietta in Europa con la maglia dei Gunners, quindi il primo teenager a raggiungere quota 10 gol battendo anche Nicolas Anelka in termini di precocità. Addetti ai lavori giurano che Manchester United e Barcellona si sarebbero molto pentiti di non averlo acquistato quando ne hanno avuto la possibilità (con i blaugrana ha sostenuto anche un provino), mentre il The Sun aggiunge che fonti interne all’Arsenal hanno già scomodato paragoni estremamente importanti per Gabriel: “Non vedevamo un finalizzatore così da Thierry Henry”. C’è da sperare, per l’Arsenal e per gli amanti del calcio, che possa ripercorrere le orme di una leggenda di tale calibro.