Tutti i verdetti della Premier League 2019/2020

0
196

L’ultima giornata di Premier League ci ha regalato emozioni fortissime, tenendoci con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo. In gioco c’erano ben più che semplici piazzamenti in classifica; le dieci partite dell’ultimo weekend di football inglese racchiudevano le speranze di sette squadre dall’Europa alla salvezza. Da non considerare all’interno di queste sono il Liverpool ormai Campione d’Inghilterra, il Manchester City che per forza di cose si è accontentato del secondo posto e il Norwich, retrocesso da fanalino di coda del torneo.

Chelsea e Man Unted ok. Mourinho salva il salvabile

L’attenzione di tutti gli appassionati era rivolta in modo particolare verso lo scontro diretto tra Leicester e Manchester United e, dall’altra parte, con la partita tra Chelsea e Wolves. La prima ha visto uscire vincitori i ragazzi di Solskjaer, che dopo un anno di assenza dalla Champions League terminano addirittura terzi in classifica, soprattutto grazie al filotto di risultati positivi ottenuti dopo la pausa invernale, mandando le Foxes quinte, in Europa League. Con questa qualificazione i Red Devils intendono dare continuità al progetto giovani iniziato, utilizzando gli introiti derivanti dalla massima competizione europea per acquistare giocatori funzionali al gioco del manager norvegese rinforzando ulteriormente il gruppo.

Anche il Chelsea di Lampard puo’ dirsi soddisfatto. Infatti, dopo qualche passo falso che avrebbe potuto compromettere un’intera stagione vissuta da quarti in classifica, i Blues sono riusciti a mettere la ciliegina sulla torta consolidando la qualificazione alla Champions, vincendo 2-0 contro il Wolverhampton; un avversario tutt’altro che semplice. Anche in questo caso non si puo’ che parlare delle ripercussioni, positive, sul calciomercato. Infatti, in virtù dei risultati ottenuti il Chelsea potrà fiondarsi con tutte le risorse su Kai Havertz, un acquisto che, con Zyech e Timo Werner, avvicinerebbe i londinesi alle prime della classe. Settimo posto, invece, per Nuno Espirito Santo.

Photo by Getty Images

Sorride José Mourinho, arrivato al Tottenham in piena emergenza dopo la fine del ciclo con Pochettino ha saputo dare forma ad una squadra che appariva assente soprattutto dal punto di vista mentale. Quattro successi nelle ultime sei partite hanno consentito al portoghese di salvare la stagione degli Spurs, ottenendo una qualificazione in Europa League fondamentale sia per le casse del club che per il futuro della squadra, dato che ora può’ contare un pizzico di appetibilità in più agli occhi dei giocatori, vista la partecipazione ad una competizione europea.

Miracol-Villa. Suicidio Watford, bye bye Premier League

Ciò che sembrava irrealizzabile è diventato realtà, l’Aston Villa rimane in Premier League. I Villans, dopo sei mesi passati tra le ultime tre della classe, riescono a salvarsi ottenendo due vittorie e altrettanti pareggi nelle ultime quattro partite, regalando ai cittadini di Birmingham tifosi del Villa una gioia grandissima. A beneficiarne anche le casse del club, che in caso di retrocessione in Championship avrebbero subito un vero e proprio tracollo, soprattutto viste le folli spese fatte per rinforzare la squadra. Atto finale è stato il pareggio 1-1 contro il West Ham, che contemporaneamente ha sancito la caduta del Watford in serie cadetta.

Un brutto colpo per le finanze degli Hornets, che fino a qualche giornata più indietro sembrava certo di salvarsi; la mossa del patron Pozzo con l’esonero improvviso di Pearson non ha sortito gli effetti desiderati, bensì ha aggravato la situazione di una squadra che ha mostrato la propria fragilità per tutto l’arco della stagione, senza mai dare sicurezze. Così, dopo sei anni i gialloneri perdono le redditizie entrate in denaro della Premier completando un’annata a dir poco funesta. A scendere è anche il Bornemouth, totalmente impensabile all’inizio del campionato. Di seguito il rieplogo di un’altra, incredibile, stagione di Premier League.

Campione d’Inghilterra: Liverpool

Qualificate in Champions League: Manchester City, Manchester United, Chelsea

Qualificate in Europa League: Leicester, Tottenham, Wolverhampton (previa tre turni preliminari)

Retrocesse in Championship: Bornemouth, Watford, Norwich

Top Scorer: Jamie Vardy (23 goal)

Top Assistman: Kevin De Bruyne (20 assist)

Clean Sheet: Ederson (16)

 

 

di Tommaso Vecchiarelli