Intrighi a Nord di Londra, tra il traghettatore Ljungberg e l’idea Ancelotti?

0
165
Arsenal

Dopo le pessime prestazioni sotto la guida di Emery, la squadra, adesso guidata da Ljungberg, sembra aver cambiato marcia.
Con l’arrivo del tecnico svedese i giocatori sembrano rivitalizzati.
Lunedì sera i Gunners hanno vinto una partita importantissima per il morale e per provare a risalire la classifica.
La partita al London Stadium parte male, il West Ham si porta in vantaggio, ma nella ripresa la squadra del nord di Londra la ribalta.
Vanno a segno Martinelli, Pepè e il solito Aubameyang.
Il brasiliano, che vive un momento di forma strepitoso, non aveva sfigurato neanche sotto la guida di Emery.

Photo by Getty Images

Per quanto riguarda Pepè, i tifosi magari saranno meno scettici, visto che l’ivoriano ha sfornato finalmente una grande partita impreziosita da un bellissimo gol.
Aubameyang chiude i conti e continua la sua lotta per aggiudicarsi il titolo di capocannoniere a fine stagione.
Con Ozil, rientrato in campo da titolare nelle ultime due partite, l’Arsenal sembra aver trovato quelle idee offensive che erano mancate nella prima parte di stagione.
Adesso la squadra non solo gioca meglio, ma probabilmente crede nel suo allenatore e questo ha fatto in modo che si creasse un gruppo coeso che lotta per un unico obiettivo.
Nella prossima partita l’Arsenal affronterà il City di Pep Guardiola, non sarà una partita facile, ma se si vuole scalare la classifica Ljungberg dovrà chiedere ai suoi giocatori di dare il 100%.
I presupposti per fare bene ci sono, adesso i tifosi si aspettano continuità da parte della squadra

Filippo Accardo